24.8 C
Foligno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCronacaCambio ai vertici dell'ospedale “San Giovanni Battista” di Foligno

Cambio ai vertici dell’ospedale “San Giovanni Battista” di Foligno

La dottoressa Orietta Rossi prende il posto del dottor Mauro Zampolini, che ha guidato il nosocomio nel delicato periodo dell'uscita dalla pandemia. Il direttore della Usl 2, Pietro Carsili: "Verso l'integrazione con Spoleto per un polo d'eccellenza"

Pubblicato il 19 Aprile 2024 13:20 - Modificato il 20 Aprile 2024 11:10

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

“Anziani allontanati dal comizio e identificati”: “giallo” sul comizio elettorale

Il fatto, che stando a quanto riportato da Uniamo Foligno sarebbe accaduo a Belfiore durante l'incontro elettorale del centrodestra, avrebbe riguardato due rappresentanti dell'Us Belfiore che chiedevano la sede per l'associazione: “Il sindaco condanni l'episodio”

Via Flaminia Antica, scuole protagoniste

Il progetto ideato dal Club per l'Unesco di Foligno e Valle del Clitunno ha visto il coinvolgimento di tantissimi istituti del territorio, che hanno approfondito la storia della via di comunicazione romana

Quintana, ecco il palio della Sfida firmato da Mirabella

Il trentaseinne originario di Enna ha firmato il drappo presentato nel corso della Cena Grande e realizzato in collaborazione con Massimo Fiordiponti, storico quintanaro che ha curato la parte sartoriale

Dopo due anni e tre mesi di direzione, buona parte dei quali improntati al superamento dell’emergenza pandemica, il dottor Mauro Zampolini ha lasciato l’incarico di direttore dell’ospedale per tornare a ricoprire il ruolo di direttore del dipartimento aziendale di Riabilitazione e di direttore della struttura complessa di Neurologia del nosocomio.

A succedergli nella direzione dell’ospedale di Foligno è la dottoressa Orietta Rossi, proveniente da un analogo incarico di direzione svolto all’ospedale “San Matteo degli Infermi” di Spoleto, durante il critico periodo dell’emergenza Covid-19.
Il passaggio di consegne è avvenuto alla presenza di una nutrita rappresentanza di professionisti e responsabili dei reparti ospedalieri.

Il dottor Zampolini ha espresso profonda gratitudine per aver avuto l’opportunità di guidare l’ospedale di Foligno.
“Nella fase più acuta della pandemia – ha ricordato con un po’ di commozione – il personale medico, delle professioni sanitarie, dei tecnici e degli amministrativi si è distinto per spirito di abnegazione, coraggio e dedizione nel fronteggiare le enormi criticità imposte dal virus. Grazie allo sforzo degli operatori, il nostro ospedale è riuscito a superare le sfide del periodo pandemico e ora può guardare con rinnovato slancio ai progetti di sviluppo futuri”.

La dottoressa Orietta Rossi, che vanta una lunga e consolidata esperienza nella gestione ospedaliera, ha accolto con entusiasmo la nuova sfida professionale, consapevole delle grandi potenzialità insite nell’ospedale di Foligno, soprattutto in vista del percorso di integrazione con l’ospedale di Spoleto, finalizzato alla creazione del Terzo polo ospedaliero.

“Sono stimolata da questo nuovo incarico – ha dichiarato la dottoressa Rossi -, che assumo con spirito di servizio, certa di poter contare sulle competenze di un’equipe di professionisti di prim’ordine”.
Prima di approdare alla direzione di Spoleto, la dottoressa Rossi ha ricoperto incarichi nella direzione medica di presidio all’Azienda ospedaliera di Terni e presso lo staff di direzione dello stesso ospedale di Foligno.
Il direttore generale facente funzione della Usl Umbria 2 Piero Carsili, nel ringraziare il dottor Zampolini per l’impegno profuso, ha espresso soddisfazione per la nomina della dottoressa Rossi, “convinto che le sue spiccate capacità organizzative forniranno un ulteriore impulso al miglioramento della qualità dei servizi e alla modernizzazione dell’ospedale di Foligno”.

“La direzione aziendale – ha affermato il manager sanitario – ha sempre posto la massima attenzione allo sviluppo di questa realtà ospedaliera, nella prospettiva di creare, attraverso l’integrazione con Spoleto, un Polo unico ospedaliero di eccellenza, efficiente ed efficace”.

Nell’ottica di un complessivo riassetto organizzativo in linea con i cambiamenti socio-demografici in atto, la Direzione strategica della Usl Umbria 2 si è detta convinta della necessità di procedere speditamente verso una più stretta integrazione tra l’ospedale e il territorio, per essere in grado di gestire con appropriatezza l’aumento della domanda di assistenza legato all’invecchiamento della popolazione e alla crescente prevalenza delle condizioni croniche.

Articoli correlati