15.6 C
Foligno
mercoledì, Maggio 29, 2024
HomePoliticaSalvini a Foligno: “Zuccarini sindaco concreto ed efficace, vincerà al primo turno”

Salvini a Foligno: “Zuccarini sindaco concreto ed efficace, vincerà al primo turno”

Il segretario della Lega e ministro alle Infrastrutture ha dato il via al suo tour italiano dalla città della Quintana, dove ha presentato anche il suo ultimo libro. Al Santa Caterina annunciati i nomi degli aspiranti consiglieri del Carroccio: ecco chi sono

Pubblicato il 2 Maggio 2024 20:14 - Modificato il 3 Maggio 2024 13:10

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Elezioni, a Foligno in arrivo Bandecchi e Tajani

In vista del voto dei prossimi 8 e 9 giugno prosegue la passerella di “big” della politica. Intanto proseguono gli incontri sul territorio delle varie forze politiche in campo

Festa della Repubblica, le celebrazioni a Foligno

Domenica 2 giugno appuntamento sotto il Torrino per la deposizione di corone d’alloro alle lapidi dei caduti. Poi l’intervento del presidente del consiglio comunale e del sindaco Zuccarini e la chiusura con la cantante lirica Paola Scarponi che intonerà l’Inno d’Italia

Foligno protagonista a Milano con i disegni del Piermarini

A Palazzo Reale una mostra che, per due mesi, racconterà l'evoluzione del grande architetto folignate. L'esposizione è promossa e prodotta dalla Fondazione Carifol

È stata la Lega di Matteo Salvini il primo partito di centrodestra a ufficializzare la lista che correrà alle amministrative dell’8 e 9 giugno prossimi a sostegno della ricandidatura di Stefano Zuccarini a sindaco di Foligno. E lo ha fatto proprio alla presenza del segretario nazionale del Carroccio e ministro alle Infrastrutture e trasporti, che ha scelto la terza città dell’Umbria per dare il via al suo tour in giro per l’Italia. Un tour durante il quale porterà avanti la campagna elettorale della Lega ma anche per presentare il suo ultimo libro dal titolo “Controvento”. “Un libro – ha spiegato alla platea di supporter dell’auditorium Santa Caterina di Foligno – che parla di passato, presente e soprattutto futuro. Un libro in cui si parla di politica, di lavoro, di sicurezza e di giovani, ma in cui ho voluto offrire agli italiani – ha sottolineato – anche il Matteo padre, figlio, nipote e non solo ministro, dando un’idea del futuro che la Lega ha in testa”.

Prima di entrare nel merito del libro, però, il vicepremier ha ribadito il suo supporto al sindaco Zuccarini e anche alla presidente Donatella Tesei in vista delle regionali del prossimo autunno. “Stefano vincerà al primo turno – ha dichiarato -, Donatella sarà confermata e dopo di loro ce ne saranno altri. L’obiettivo è andare avanti e chiudere un percorso”. Parlando con la stampa dei candidati umbri, il ministro Salvini ha parlato di Donatella Tesei come di una governatrice  che “in questi cinque anni difficilissimi ha preso per mano l’Umbria e l’ha portata ai primi posti a livello nazionale. Sono contento del lavoro fatto in Regione in Umbria – ha quindi proseguito – e anche in comune a Foligno. Ho scelto di partire da Foligno perché c’è un sindaco assolutamente concreto, efficace con il quale la Lega e il centrodestra possono vincere al primo turno perché amministrare bene, per me è assolutamente fondamentale”.

Come detto, l’appuntamento del Santa Caterina è stato anche l’occasione per presentare alla città di Foligno i candidati della Lega, tra new entry ma anche tante conferme, come gli assessori uscenti Decio Barili e Michela Giuliani o i consiglieri Federica Bagatti, Barbara Betti, Marco De Felicis, Paolo Galli, Mauro Malridotto e Riccardo Polli. Non è passata inosservata, inoltre, la candidatura di Renato Colavita, ex presidente del Foligno Calcio. “Giovani e meno giovani – ha spiegato il segretario regionale della Lega, Riccardo Augusto Marchetti – espressione di tutto il territorio, del buon governo e di una città che è tornata ad essere al centro del mondo. Siamo per la tradizione – ha quindi aggiunto – che vuole essere anche innovazione, ma l’identità e la storia non vanno mai nascoste, vanno incentivate. Vogliamo lasciare per altri cinque anni in Pd nel posto in cui merita di stare, ossia all’opposizione”.

Donatella Tesei, Stefano Zuccarini e Matteo Salvini

“Cinque anni fa eravamo una scommessa – ha detto il sindaco uscente Stefano Zuccarini -: rovesciare una tradizione così consolidata è stata un’impresa e se tanto è stato fatto è stato anche per merito di Matteo Salvini”. “Da promessa siamo diventati realtà concreta e la Foligno che vediamo oggi è merito di tutti voi” ha aggiunto rivolgendosi ai consiglieri leghisti e sottolineando anche il clima di collaborazione con gli altri partiti della coalizione. “Ci apprestiamo a questa seconda tornata con la coscienza di aver fatto tutto quello che potevamo, nonostante quelli che c’erano prima, quelli bravi. Ci criticano perché tagliamo molti nastri: loro inauguravano progetti, noi cose concrete”. Zuccarini è quindi intervenuto su Variante sud e Svincolo di Scopoli, “che – ha detto – il ministro Salvini conosce bene”. “Fanno parte della seconda fase del nostro mandato – ha ribadito -: la Variante sud per ricucire città, lo Svincolo di Scopoli per dare uno sbocco lungo il tracciato in termini di sicurezza”.

“La presenza di Matteo Salvini ci rende particolarmente felici perché dimostra che la nostra regione, seppur piccola, è nei suoi pensieri. Insieme stiamo lavorando per portare a casa risultati prioritari, come il nodo di Perugia e la stazione dell’alta velocità della Media Etruria, che spero possa dare respiro all’Umbria e portarla fuori dall’isolamento”. Passando a Foligno, la presidente Tesei lo ha apostrofato come “un centro ferroviario importante”. “A partire dal prossimo anno avrà la fermata del Freccia Rossa – ha proseguito -, ma abbiamo lavorato anche all’implementazione delle ex Ogr, con finanziamenti che gli permetteranno la manutenzione di nuovi treni, che si tradurranno in occupazione: attualmente si contano 300 unità ma è un numero destinato ad aumentare”.

Tornando, invece, al ministro Salvini, tra i temi toccati dai giornalisti durante l’intervista che ha anticipato l’incontro folignate, il vice premier ha parlato del generale Vannacci e delle contestazioni delle scorse ore a Napoli. “Alle idee si risponde con altre idee diverse. Se uno va a far casino a Napoli o a Livorno perché non gli piacciono Vannacci e Salvini e secondo qualche estremista non hanno diritto di parola, vuol dire che abbiamo fatto bene a candidare il generale Vannacci nel nome della libertà di pensiero, di parola e di scrittura. Mai nella vita mi sognerei di andare a scontrarmi con le forze dell’ordine per impedire a qualcuno di parlare. Il generale Vannacci ha combattuto l’Isis, è stato in Iraq e Afghanistan e penso che non abbia paura di qualche poco democratico manifestante a Napoli”. Sulla sua assenza dalle liste delle europee, invece, ha detto: “Faccio il segretario della Lega e il ministro, diciamo che ho le giornate belle piene: stiamo definendo i dettagli su una questione che riguarda tutti gli italiani, cioè la casa, per la quale ho la delega e l’obiettivo è riuscire ad approvare finalmente, dopo anni di attesa, una regolarizzazione di tutte le difformità e i problemi interni alle quattro mura domestiche di milioni di famiglie, un tema che mi porta via ore e ore. Quindi io farò una bella campagna elettorale a sostegno di tanti candidati assolutamente in gamba, penso ad esempio a Valeria Alessandrini che sosterrò con tutto me stesso come portavoce dell’Umbria a Bruxelles, però mi basta già il lavoro che faccio per la Lega e per gli italiani al ministero”. Infine un passaggio sull’Europa che dovrà essere “totalmente diversa” e che “non può essere guidata né dalla von der Leyen né da Draghi, né da quella sinistra – ha concluso – che l’ha affossata”. 

I CANDIDATI DELLA LEGA:

Federica Bagatti, 46 anni, consigliere uscente

Marco Baldoni, 61 anni, consulente commerciale

Decio Barili, 61 anni, assessore uscente

Barbara Betti, consigliere uscente

Francesca Carbonini, assistente di volo

Davide Chianella, 29 anni, ingegnere meccanico

Simona Civile, 54 anni, collabora nella clinica veterinaria di famiglia

Renato Colavita, 60 anni, imprenditore

Luigi Coppola, 75 anni, pensionato 

Marco De Felicis, consigliere uscente

Giampaolo Eleuteri, 25 anni, studente

Marco Farneti, 57 anni, imprenditore

Paolo Galli, 65 anni, consigliere uscente

Michela Giuliani, 40 anni, assessore uscente

Cristina Iaquinto, dottoressa in biologia

Mauro Malridotto, 46 anni, consigliere uscente

Natalie Mostarda, 37 anni, avvocato

Riccardo Polli, 45 anni, capogruppo consigliere uscente

Paolo Raneri, psicologo-psicoterapeuta 

Sabrina Saccomanni, avvocato

Dario Signorelli, 46 anni, fondatore del MotoClub Foligno

Paola Silla, 66 anni, lavoratrice dipendente

Patrizia Solfanelli, 69 anni

Stefano Vernaccia, 32 anni, farmacista

Articoli correlati