17.6 C
Foligno
sabato, Giugno 22, 2024
HomeCronacaCostringono la figlia ad accusare il compagno di violenza sessuale: allontanati da...

Costringono la figlia ad accusare il compagno di violenza sessuale: allontanati da casa

La coppia, 53 anni lui e 37 lei, era contraria alla relazione della giovane con un ragazzo più grande. Per i due genitori è scattato anche il divieto di avvicinamento e di comunicazione con le due vittime e disposto il controllo con dispositivi elettronici

Pubblicato il 3 Giugno 2024 17:43 - Modificato il 4 Giugno 2024 12:59

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

L’arcivescovo ordinario militare per l’Italia in visita alla “Gonzaga”

Tappa folignate per monsignor Marcianò per conoscere le peculiarità del Centro di selezione e reclutamento nazionale dell’Esercito. “Ente dal compito fondamentale per individuare chi è chiamato a garantire difesa e democrazia”

Trevi si tinge di “giallo” con importanti firme della letteratura

In occasione della “Notte Romantica” il borgo umbro ospiterà il festival dedicato a uno dei settori letterari più amati dai lettori. In arrivo scrittori del calibro di Antonio Fusco e Pierdante Piccioni

L’annuncio della Usl 2: “Assunti 32 nuovi infermieri a tempo determinato”

La delibera a firma del direttore generale Pietro Carsili del 21 giugno dispone l'implementazione della dotazione organica nei territori e negli ospedali. Cinque lavoreranno nell'ospedale di Foligno, quattro nel Distretto

Non avevano accettato che la figlia frequentasse un ragazzo più grande e così hanno provato in tutti i modi a ostacolare la relazione tra i due, arrivando – con la complicità di una terza persona, al momento ignota – anche a indurre la giovane, con violenze e minacce, ad accusare il fidanzato di violenza sessuale. A finire nei guai una coppia, 53 anni di origini straniere lui e 37 lei, ritenuti responsabili dei reati di minaccia aggravata e di intralcio alla giustizia. I due sono stati allontanati dalla casa familiare e a loro carico è stato disposto anche il divieto di avvicinarsi e comunicare con la figlia ed il fidanzato.

A far scattare l’intervento delle forze dell’ordine, è stato proprio il compagno della giovane che, venuto a conoscenza dell’accusa di violenza sessuale nei suoi confronti, si è rivolto al Commissariato di Foligno diretto dal vice questore aggiunto Adriano Felici. Dagli accertamenti investigativi condotti dai poliziotti, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto, è inoltre emerso come, in un’altra occasione, per riportare a casa la figlia, i genitori avessero minacciato lei e il compagno con numerosi messaggi minatori e di morte.

Le indagini effettuate dagli agenti, che hanno dato riscontro al racconto dei due giovani fidanzati, hanno così indotto la Procura spoletina a richiedere l’applicazione di una misura cautelare a carico dei genitori della ragazza. Visti i gravi indizi di colpevolezza e valutate le esigenze cautelari relative ai reati contestati al 53enne e alla 37enne, il gip ha disposto – come detto – l’allontanamento dalla casa familiare con il divieto di avvicinamento ai due giovani, al posto di lavoro e a tutti gli altri luoghi abitualmente frequentati dalla figlia e dal compagno, vietandogli anche qualsiasi forma di comunicazione con i due ragazzi. Disposto, inoltre, il controllo attraverso dispositivi elettronici al fine di garantire il rispetto del provvedimento adottato a loro carico. 

Articoli correlati