36.3 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCronacaContinui messaggi, chiamate e aggressioni alla ex: braccialetto elettronico per un 26enne

Continui messaggi, chiamate e aggressioni alla ex: braccialetto elettronico per un 26enne

Esasperata dal comportamento del giovane sia durante la relazione che quando aveva deciso di interromperla, la donna ha chiesto aiuto agli agenti del Commissariato di Foligno. A carico dell’uomo il divieto di avvicinamento e di mettersi in contatto con la vittima

Pubblicato il 17 Giugno 2024 14:39 - Modificato il 18 Giugno 2024 16:44

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Montefalco perde un medico di base. Il Comune scrive all’Usl 2: “Disagi per i cittadini”

In una nota diffusa sui social, l'amministrazione interviene sulla fine della convenzione con il dottor Massimo Pucci. I dottori presenti nel borgo non riuscirebbero a coprire i pazienti rimasti “scoperti”

Ancora grande caldo in Umbria. L’esperto: “Lieve calo non prima della prossima settimana”

Gli effetti del solleone si fanno sentire anche nella nostra regione. Per Fabio Pauselli di Umbria Meteo la colonnina di mercurio dovrebbe scendere di 2-3 gradi. Temperature sopra la media, ma inferiori agli scorsi anni

A Foligno prevenzione per oltre 200 cittadini con il “Progetto Cuore”

Un’indagine dell’Istituto superiore di sanità ha coinvolto un campione di folignati, con età compresa tra i 35 e i 74 anni, per valutare il rischio cardiovascolare. L’analisi ha permesso ad alcuni partecipanti di diagnosticare patologie precedentemente sconosciute

La controllava durante i suoi spostamenti, chiamandola continuamente al telefono per sapere dove fosse, e quando la donna ha deciso di interrompere la relazione, la reazione del compagno è stata violenta. Il giovane, un 26enne, è infatti passato alle offese e alle minacce e, in diverse occasioni, anche alle aggressioni fisiche, procurandole lesioni. Ma questo è stato solo l’inizio. L’uomo ha continuato a tempestarla di messaggi e chiamate, arrivando ad appostarsi nei luoghi frequentati dall’ex compagna per monitorarla.

Comportamenti che hanno spinto la vittima a chiedere aiuto, nel tentativo di uscire dall’inferno in cui era costretta a vivere, caratterizzato da un costante stato di ansia e di paura. La donna si è quindi rivolta al Commissariato di Foligno, diretto dal vice questore aggiunto Adriano Felici, che ha dato subito avvio alle indagini del caso. Indagini che hanno permesso di ricostruire l’intera vicenda e di accertare gli atteggiamenti violenti e persecutori del 26enne, sia durante la relazione che al termine del rapporto sentimentale tra i due.

Sulla scorta di quanto emerso dalle indagini, il Gip del Tribunale di Spoleto, su richiesta della Procura della Repubblica della città ducale, ha disposto a carico del giovane – indagato per atti persecutori nei confronti della ex compagna – il divieto di avvicinamento alla vittima, con l’obbligo di mantenere una distanza non inferiore ai 500 metri, negandogli anche qualsiasi forma di comunicazione con la donna. Ma non solo. Al fine di assicurare il rispetto della misura, il giudice per le indagini preliminari ha inoltre disposto che al 26enne venisse applicato il braccialetto elettronico.

Acquisito il provvedimento, gli agenti del Commissariato di via Garibaldi lo hanno notificato all’uomo che, come detto, dovrà tenersi lontano dalla ex compagna.

Articoli correlati