24.7 C
Foligno
giovedì, Luglio 25, 2024
HomePoliticaIl Pd riparte dopo le elezioni: martedì la presentazione del gruppo consiliare

Il Pd riparte dopo le elezioni: martedì la presentazione del gruppo consiliare

Quattro i “dem” che siederanno tra i banchi dell’opposizione. Intanto negli scorsi giorni si è riunito il circolo 6 “Bassa Valle del Menotre e del Roveggiano”: sul tavolo i temi da affrontare nei prossimi cinque anni di legislatura

Pubblicato il 4 Luglio 2024 17:10

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Esce di casa per andare a lavoro, ma non si presenta: si cerca Eleonora Quaglia

A segnalare la scomparsa della 38enne sono stati familiari e amici tramite i social. Mercoledì mattina sarebbe partita da Campello sul Clitunno per recarsi a Foligno, ma della giovane si sono perse le tracce

I colossi dell’aerospazio si incontrano a Londra: c’è anche l’Umbria

Diciannove le aziende del Cluster protagoniste in questi giorni del Farnborough International Airshow, una delle più importanti grandi fiere del comparto a livello mondiale. Tonti: “Orgogliosi di poter mostrare la qualità, competenza e tecnologia della nostra filiera”

Torna il Montelago Celtic Festival in versione ancora più green

La città celtica itinerante è pronta ad accogliere le migliaia di visitatori che ogni anno invadono i verdi altopiani a confine tra Marche e Umbria: un’iniziativa che si impegna ogni anno, sempre più, a ridurre l’impatto ambientale e portare il buon esempio

Il Partito democratico folignate riparte dopo la tornata elettorale delle ultime amministrative. Mercoledì 10 luglio, alle 12, nella sede del partito, in via Mazzini, è infatti in programma la presentazione del gruppo consigliare. A farne parte, lo ricordiamo, saranno Rita Barbetti (unica consigliera “dem” presente anche nella scorsa legislatura comunale), Maura Franquillo (ex assessore della seconda Giunta Mismetti), Mario Bravi e Giorgio Gammarota, che siederanno tra i banchi dell’opposizione insieme al candidato sindaco Mauro Masciotti, a Tommaso Feliziani (Foligno Domani), a Diego Mattioli (Foligno in Comune), a David Fantauzzi (Movimento 5 Stelle) e a Maria Frigeri (PattoxFoligno). In maggioranza invece, com’è ormai noto, oltre al primo cittadino eletto Stefano Zuccarini, ci saranno Marco Cesaro, Giuseppe Galligari, Alessandra Leoni, Tiziana Filena, Leonardo Pacini, Valentina Gualdoni (Fratelli d’Italia); Riccardo Meloni, Barbara Di Nicola, Daniela Flagiello (Forza Italia); Michela Giuliani, Decio Barili e Mauro Malaridotto (Lega); Nicola Badiali, Elisabetta Ugolinelli (Stefano Zuccarini Sindaco); Lorenzo Schiarea (Più in alto).

Tornando, invece, al Pd, negli scorsi giorni si è riunito il circolo 6 “Bassa Valla del Menotre e del Roveggiano”, per condividere la valutazione dei risultati elettorali delle ultime Amministrative e la pianificazione dell’opposizione per proseguire l’impegno nel territorio come Pd nell’ambito del progetto “Uniamo Foligno con Mauro Masciotti”. Considerando la tenuta e lieve crescita dei consensi nei confronti del Pd nei seggi locali e lo scarso margine medio negativo ottenuto al ballottaggio, il maggiore partito d’opposizione fa sapere che l’intento è quello di ripartire subito con l’informazione e l’iniziativa, in stretto raccordo con le associazioni, le persone e i rappresentanti “dem” in consiglio comunale. I temi sul tavolo per i prossimi cinque anni, dicono, “saranno quelli portati avanti nel corso della campagna elettorale, ovvero il rafforzamento delle reti sociali, a partire dalla richiesta e ricerca di sedi associative e la realizzazione di spazi di socialità pubblici all’aperto; l’abitare in condizioni civili per tutti, nella solidarietà e nel rispetto reciproco con servizi e cure che diano dignità alle frazioni; il riutilizzo degli immobili disabitati e l’attuazione delle aree pubbliche in ogni frazione come da Piano regolatore generale vigente; la valorizzazione del territorio con progetti di turismo consapevole e sostenibile, a partire dal basso, con la manutenzione delle sponde e dei percorsi di fiumi e canali”. Il tutto fondato sulla “partecipazione” che, concludono i democratici, è “fulcro della nostra idea di città, per la quale troveremo forme di auto organizzazione condivise con persone e associazioni per formulare istanze verso l’amministrazione e soprattutto per dare voce a problemi, soluzioni e progettualità”.

Articoli correlati