24.7 C
Foligno
giovedì, Luglio 25, 2024
HomeCronacaVittima di maltrattamenti in famiglia, 19enne chiede aiuto al preside

Vittima di maltrattamenti in famiglia, 19enne chiede aiuto al preside

La giovane ha confidato al dirigente scolastico le violenze verbali, psicologiche e fisiche subite dal padre e dal fratello maggiore. Dalla scuola è partita la segnalazione ai carabinieri che hanno denunciato in stato di libertà i due uomini e anche la madre della ragazza

Pubblicato il 4 Luglio 2024 12:27 - Modificato il 5 Luglio 2024 16:49

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Esce di casa per andare a lavoro, ma non si presenta: si cerca Eleonora Quaglia

A segnalare la scomparsa della 38enne sono stati familiari e amici tramite i social. Mercoledì mattina sarebbe partita da Campello sul Clitunno per recarsi a Foligno, ma della giovane si sono perse le tracce

I colossi dell’aerospazio si incontrano a Londra: c’è anche l’Umbria

Diciannove le aziende del Cluster protagoniste in questi giorni del Farnborough International Airshow, una delle più importanti grandi fiere del comparto a livello mondiale. Tonti: “Orgogliosi di poter mostrare la qualità, competenza e tecnologia della nostra filiera”

Torna il Montelago Celtic Festival in versione ancora più green

La città celtica itinerante è pronta ad accogliere le migliaia di visitatori che ogni anno invadono i verdi altopiani a confine tra Marche e Umbria: un’iniziativa che si impegna ogni anno, sempre più, a ridurre l’impatto ambientale e portare il buon esempio

Arriva da Giano dell’Umbria l’ultima terribile storia di maltrattamenti in famiglia. Vittima una 19enne che da anni subiva violenze verbali, psicologiche e fisiche da parte di chi, invece, avrebbe dovuta proteggerla. È così che sono stati denunciati in stato di libertà per lesioni personali e maltrattamenti, i genitori della ragazza, entrambi 45enni, e il fratello di 21 anni, tutti di origini macedoni.

A far scattare l’intervento dei carabinieri della Compagnia di Spoleto e della stazione di Giano è stato il dirigente scolastico della scuola frequentata dalla giovane, al quale la 19enne aveva confidato le violenze subite dal padre e dal fratello, che le avevano anche impedito di frequentare un ragazzo del quale si era infatuata.

Ai militari che l’hanno ascoltata, la vittima ha raccontato come, in un caso, fosse stata minacciata di morte dal fratello, e in un altro di essere stata aggredita fisicamente dal padre, che l’avrebbe colpita con dei pugni in testa e ad una spalla, al punto che la ragazza era stata costretta a ricorrere alle cure del personale sanitario dell’ospedale di Foligno, da dove era stata dimessa con una prognosi di dieci giorni.

Acquisita la denuncia, i carabinieri hanno tempestivamente attivato il protocollo del cosiddetto “Codice Rosso”, istituto giuridico nato nel 2019 a sostegno delle vittime di violenza di genere, grazie al quale la ragazza è stata trasferita in una struttura protetta.

Per i familiari invece – come detto – è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Spoleto. L’autorità giudiziaria ha quindi disposto a carico dei genitori e del fratello della vittima il divieto di avvicinamento alla 19enne e l’applicazione del braccialetto elettronico.

Articoli correlati