36.3 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCulturaBenessere e digitale, grande successo per l'ottava edizione del Social Hackathon Umbria

Benessere e digitale, grande successo per l’ottava edizione del Social Hackathon Umbria

A Bevagna quattro giorni di sfide digitali declinate alla salute fisica, mentale e sociale. In Comune ospitati gli studenti ucraini arrivati in Umbria per presentare la loro applicazione per ridurre lo stress nei buker durante i bombardamenti

Pubblicato il 10 Luglio 2024 14:07 - Modificato il 10 Luglio 2024 17:22

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Ancora grande caldo in Umbria. L’esperto: “Lieve calo non prima della prossima settimana”

Gli effetti del solleone si fanno sentire anche nella nostra regione. Per Fabio Pauselli di Umbria Meteo la colonnina di mercurio dovrebbe scendere di 2-3 gradi. Temperature sopra la media, ma inferiori agli scorsi anni

A Foligno prevenzione per oltre 200 cittadini con il “Progetto Cuore”

Un’indagine dell’Istituto superiore di sanità ha coinvolto un campione di folignati, con età compresa tra i 35 e i 74 anni, per valutare il rischio cardiovascolare. L’analisi ha permesso ad alcuni partecipanti di diagnosticare patologie precedentemente sconosciute

Liste d’attesa, calano di 17mila unità le prestazioni in sospeso

Un miglioramento portato dal Piano regionale ordinario di undici milioni e mezzo attuato circa due mesi fa. La presidente della Regione, Donatella Tesei: “Il progetto ha dato i suoi frutti, ma continueremo a lavorare affinché sia sempre più incisivo”

Più di 400 persone provenienti da tutto il mondo hanno invaso per quattro giorni le stradine del borgo medievale di Bevagna per sviluppare progetti innovativi, a scopo sociale, sul tema del benessere e della sostenibilità. Si è chiusa domenica 7 luglio l’ottava edizione dell’Umbria Social Hackathon, quest’anno declinato in Bevagna Digital Fest. Il grande evento annuale quest’anno è stato organizzato con la collaborazione dell’Istituto Superiore di Sanità – Centro Nazionale Malattie RareEGInA e del CRHACK LAB Foligno 4D

Parallelamente alla sfida tra le squadre, il “Villaggio del Benessere”, allestito all’interno del chiostro di San Domenico, ha accolto tante persone e turisti curiosi che hanno partecipato a laboratori e workshop gratuiti, organizzati da professionisti del benessere. 

In questi intensi quattro giorni, un appuntamento di grande rilievo si è svolto sabato 6 luglio nel palazzo comunale di Bevagna. Il sindaco Annarita Falsacappa ha infatti accolto nella Sala del Consiglio una delegazione di studenti ucrainiaccompagnati da un’insegnante e dalla preside della scuola che hanno presentato, durante il Festival, il progetto per lo sviluppo dell’applicazione “Well – B – Ing Shelter”, creata per aiutare le persone costrette nei bunker durante i bombardamenti, a ridurre il livello di stress con una serie di attività e suggerimenti di vario tipo. La classe, vista la grave situazione che si trova a vivere la loro nazione con la guerra e la conseguente chiusura dello spazio aereo, ha viaggiato via terra per tre giorni per raggiungere Bevagna e il Social Hackathon. 

Le otto squadre e gli otto progetti in gara, sono stati valutati e scelti da una giuria di eminenti esperti in diversi settori: Amalia Egle Gentile, responsabile del Laboratorio Health Humanities dell’Istituto Superiore di Sanità – Centro Nazionale Malattie Rare, Veronica Mobilio, responsabile Ricerca presso Fondazione per la Scuola – Compagnia San Paolo; Serena Angioli dell’Agenzia Italiana per la Gioventù; Sabrina Grigolo, ambasciatrice Erasmus+ EDA e paziente esperto dell’Accademia EUPATI; Alessio Di Addezio consulente e teambuilder sui temi della Sostenibilità Ambientale e Sociale; Gilda Esposito, presidente e fondatrice dello spin-off dell’Università di Firenze MoCa Future Designers; Emma Pietrafesa di Stati Generali dell’Innovazione; Francesco Marchionni, consigliere di presidenza con delega alla salute e al benessere del Consiglio Nazionale dei Giovani.

A portare a casa il premio Best Digital Innovator for Sustainable Development di quest’anno è stato il Team 4 con il Progetto DAR DAR guidato da Max Vzw, finalizzato allo sviluppo di un’applicazione che fornisce assistenza sociale e benessere in modo più veloce, facile e umano. DAR significa “dare”, DAR DAR vuol dire “dare di più e in modo più facile e veloce”. La app e il portale collegato potenziano le attività mettendo in connessione mediatori digitali, operatori sociali e comunità locale, attraverso un modello di social care delivery dove il benessere delle persone è al centro e tutti possono contribuire. 

Gli studenti ucraini a Bevagna per lo SHU24

Il Premio della Social Jury è andato al Team 5 con il progetto Descarboniza, uno strumento digitale progettato per identificare i sistemi e i materiali da costruzione sostenibili, riducendo l’impatto ambientale.

Il Premio SHU Kids, scelto dai bambini del Campus, è andato al Team 8 per il progetto Western Balkan Fake News Detector.

Il Premio della Social Hackademy ha incoronato come “Best Student” Stephen Roan.

Infine, il premio SHU YOUNG MAKERS è andato al Team 6.

Articoli correlati