Foligno, operatore ecologico fermato alla guida ubriaco

Nel corso dei controlli altre due denunce comminate dai carabinieri nella città della Quintana   

Carabinieri

Ad insospettire i carabinieri della Compagnia di Foligno è stata l'andatura insolita ed incerta con cui procedeva il mezzo per la raccolta dei rifiuti solido-urbani. Una volta fermato l'amara sorpresa. Il conducente dell'autocarro stava prestando servizio in evidente stato di ebbrezza, con un elevato tasso alcolemico nel sangue. Per l'uomo, che già in passato era stato sanzionato per guida in stato di ebbrezza, è quindi scattata una denuncia ed il ritiro immediato della patente, mentre a prendere il suo posto e a concludere il giro per la raccolta dei rifiuti è stato il secondo autista. Ma diversi sono stati, nello stesso fine settimana, i controlli effettuati dai militari per la prevenzione delle cosiddette “stragi del sabato sera”. E così denunce anche a carico di altre due persone. Nel primo caso ad esser sanzionato un giovane - già noto alle forze dell'ordine - trovato alla guida di ciclomotore sotto effetto di stupefacenti. Sul motorino era stata, inoltre, apposta una targhetta rubata poi restituita al legittimo proprietario. Il mezzo privo anche di assicurazione è stato sequestrato. Fermato, nello stesso contesto, anche un 30enne di origini albanesi che, fermato alla guida di un'auto, ha mostrato ai carabinieri una patente internazionale contraffatta. Per lui una denuncia per falsità materiale ed uso di atto falso con fermo amministrativo della macchina. Un'ultima operazione dei militari ha riguardato, invece, Montefalco. Anche in questo caso un automobilista è stato trovato alla guida con un tasso alcolico nel sangue superiore di quasi il triplo a quello consentito e privo di patente di guida poiché revocata dalla Prefettura di Perugia. L'uomo, che non si era fermato all'alt dei carabinieri, è stato bloccato dopo un breve inseguimento che si è concluso vicino la propria abitazione.  

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento