28 C
Foligno
mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeCulturaLa qualità premia ancora Vini nel Mondo

La qualità premia ancora Vini nel Mondo

Pubblicato il 5 Giugno 2016 18:36 - Modificato il 5 Settembre 2023 20:12

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Esce di casa per andare a lavoro, ma non si presenta: si cerca Eleonora Quaglia

A segnalare la scomparsa della 38enne sono stati familiari e amici tramite i social. Mercoledì mattina sarebbe partita da Campello sul Clitunno per recarsi a Foligno, ma della giovane si sono perse le tracce

I colossi dell’aerospazio si incontrano a Londra: c’è anche l’Umbria

Diciannove le aziende del Cluster protagoniste in questi giorni del Farnborough International Airshow, una delle più importanti grandi fiere del comparto a livello mondiale. Tonti: “Orgogliosi di poter mostrare la qualità, competenza e tecnologia della nostra filiera”

Torna il Montelago Celtic Festival in versione ancora più green

La città celtica itinerante è pronta ad accogliere le migliaia di visitatori che ogni anno invadono i verdi altopiani a confine tra Marche e Umbria: un’iniziativa che si impegna ogni anno, sempre più, a ridurre l’impatto ambientale e portare il buon esempio

Chiusura ricca di soddisfazione per Vini nel Mondo 2016. L’undicesima edizione della kermesse spoletina dedicata alle eccellenze vitivinicole e gastronomiche italiane ha riscosso nei quattro giorni di apertura un ottimo successo di pubblico e di critica. Piazze gremite dalle migliaia di appassionati del bere consapevole e di qualità e delle eccellenze dello streetfood italiano, musica ogni sera al Chiostro di San Nicolò, degustazioni guidate a cura dei migliori sommelier d’Italia e stand gastronomici con i tipici prodotti del territorio nazionale. “Il bilancio dell’undicesima edizione di Vini nel Mondo è molto positivo – ha dichiarato Alessandro Casali – questa edizione è stata ancora di più all’insegna del binomio tra vino e cibo di qualità, che il numeroso pubblico accorso ha dimostrato di apprezzare. A tal proposito voglio infatti ringraziare sentitamente tutti i produttori e gli espositori presenti che hanno contribuito al successo dell’evento. C’è stata un’ottima affluenza alle degustazioni guidate, nei siti espositivi e nelle piazze a riprova del fatto che il bere consapevole non crea problemi. Ciò ci spinge ad andare avanti e a proiettarci già alla prossima edizione con un occhio di riguardo ai giovani, futuri consumatori consapevoli di quello che è uno dei prodotti di punta dell’eccellenza italiana. Stiamo già cercando un partner che possa brindare con noi nella Wine Night Show del prossimo anno. Ovviamente vorremmo brindare con bollicine italiane”. ANCHE D’ALEMA PRESENTE – Massimo D’Alema e la moglie Linda Giuva al Chiostro di San Nicolò hanno raccontato alla presenza di Davide Marotta presidente di Fis Umbria alcuni segreti della loro azienda e dei loro vini. Nel 2016, terzo anno di attività della cantina sono state messe in commercio 28000 bottiglie in Italia e all’estero, nello specifico, due land tedeschi, Olanda, in Svizzera, a Pechino, a New York, nel New Jersey e nel Connecticut e a breve verranno vendute a Londra e in Messico. Il loro mercato di riferimento sono i ristoranti italiani di qualità. Parlando dei loro vini hanno spiegato che la vigna del loro Pinot Nero è posta a 200 mt di altezza sul livello del mare. Il vino da meditazione è stato descritto come morbido, elegante ed eclettico. Il loro Cabernet Franc in purezza è un vino che si caratterizza per il bassissimo  contenuto di solfiti.

Articoli correlati