10.6 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeAttualitàFoligno, nuove regole per la “movida": le attività vigileranno sulla condotta dei...

Foligno, nuove regole per la “movida”: le attività vigileranno sulla condotta dei clienti

Pubblicato il 7 Novembre 2017 17:27

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Ultimi passi per l’approvazione del nuovo regolamento sull’occupazione del suolo pubblico. Dopo la fase di concertazione con i soggetti coinvolti, a Foligno il Comune è pronto a votare il documento che porterà a delle sostanziali novità per gli esercizi interessati ad usufruire temporaneamente delle aree pubbliche. Si inizia con la discussione e approvazione in seconda commissione, in programma per il 16 novembre. L’atto pone nuovi vincoli soprattutto alle realtà che operano nel settore della somministrazione di alimenti e bevande. Un’esigenza legata in particolar modo al fenomeno della “movida”, sviluppatosi negli ultimi anni. E’ così che l’articolo 14 del regolamento comunale, elenca tutte le disposizioni che gli esercenti del centro storico dovranno mettere in campo per minimizzare l’impatto dell’occupazione del suolo pubblico. Le attività dovranno attuare una serie di comportamenti nei confronti degli avventori per favorire il rispetto delle regole, come il richiamo rivolto ai clienti molesti, che possono sfociare anche nell’allontanamento dal locale. Oltre al mantenimento di ottimali livelli di pulizia, prima del rilascio della concessione, i titolari degli esercizi dovranno impegnarsi ad ottemperare ad alcune condizioni riguardanti la “riduzione di un consumo alcolico nocivo”, promuovendo modelli e abitudini di consumo delle bevande alcoliche che riducano rischi personali e collettivi. Oltre a ciò, gli esercenti dovranno anche garantire due degli otto servizi previsti dal regolamento. Tra le condizioni da scegliere ci sono: l’installazione un punto wi-fi gratuito, convenzione con i gestori dei parcheggi esistenti nelle aree limitrofe, organizzazione di navette per il trasferimento dei clienti nelle discoteche, utilizzo di proprio personale o steward urbani per contenere comportamenti che possano disturbare la quiete pubblica. Ma si parla anche di insonorizzazione dei locali, apposizione di limitatori agli impianti sonori, l’eliminazione di barriere architettoniche e l’adesione al progetto “Don’t waste our future”. ARREDO – Novità anche per quanto riguarda l’arredo degli spazi esterni. Sedie e tavolini dovranno essere preferibilmente in legno o ferro. In quest’ultimo caso, la gamma dei colori dovrà andare dal grigio antracite alla terra bruciata. Anche i piani dei tavolini dovranno essere in ferro, legno o materiale lapideo, mentre gli schienali delle sedie, se in tessuto, dovranno essere di fattura “sobria e compassata”. Gli ombrelloni, con altezza minima di 2 metri e venti centimetri, dovranno essere in armonia con il contesto circostante. Appositi dettagli anche per fioriere, pedane, cestini e paraventi. ORARI – In centro storico, l’occupazione del suolo pubblico potrà essere effettuata dal lunedì al giovedì dall’avvio della Ztl alle 24. Il venerdì, sabato, domenica, prefestivi e festivi dall’inizio della Ztl alle una di notte. Nelle Apu, l’occupazione andrà invece dalle sette del mattino alle una di notte del giorno successivo. SPAZI – L’ampiezza dell’area oggetto della concessione verrà rilasciata anche in base alla grandezza dei locali interni. “Abbiamo deciso di agire con il metodo della proporzionalità” spiega l’assessore competente Giovanni Patriarchi, che spiega anche come il regolamento è stato stilato “ascoltando le esigenze di tutti: da chi abita in città a chi invece ha un’attività o frequenta i locali”. Le aree di occupazione tra le varie attività, dovranno essere distanti 1,5 metri l’una dall’altra. Queste, dunque, le peculiarità del regolamento, che al suo interno riporta anche altri punti che disciplinano anche le sanzioni ed altre disposizioni.

Fabio Luccioli
Fabio Luccioli
Direttore di Radio Gente Umbra e Gazzetta di Foligno

Articoli correlati