26.5 C
Foligno
domenica, Luglio 21, 2024
HomeAttualitàMercatino dell'antico, a Spoleto nessuna domanda per la gestione

Mercatino dell’antico, a Spoleto nessuna domanda per la gestione

Pubblicato il 7 Novembre 2017 13:07

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Operazione “Oro rosso”, controlli straordinari della Polfer contro i furti di rame

Gli agenti di Foligno e Perugia hanno effettuato verifiche in tre attività di rottamazione per il rispetto delle normative di settore e lungo le linee ferroviarie per accertare l’integrità dei cavi. Intensificata anche l’attività nelle stazioni: identificate 259 persone

Mezzi ancora in azione a Poreta: in volo un canadair e un elicottero

Proseguono per il terzo giorno consecutivo le operazioni di spegnimento dell’incendio che ha interessato le aree ai confini tra i comuni di Campello e Spoleto. Fino alle 20 di sabato sospensione dell’energia elettrica nelle zone interessate dalle fiamme

Il Torneo nazionale degli oratori si chiude a Foligno e incorona Joco Campus

Le finali di “TuttInGioco” hanno visto la compagine locale alzare la coppa dell'ultima delle cinque finali del progetto organizzato in 50 centri estivi dal Centro Sportivo Italiano e da Fondazione Conad ETS con il supporto di PAC 2000A Conad, per promuovere e diffondere i valori dello sport

Le dimostrazioni di interesse c’erano state. Seppur informali. Ma, allo scadere dell’avviso per l’assegnazione a un privato dell’organizzazione del Mercatino dell’Antico, nessuno ha presentato regolare domanda. Su cosa abbia indotto quelle stesse società a tirarsi indietro, non è dato saperlo. E’ pensare che alla vigilia del bando, le stesse sembrava fossero interessate a farsi carico di cambiare il volto di un evento che non raccoglie più i consensi di un tempo, soprattutto per quanto riguarda gli espositori. Ma il fatto certo è che ora il Comune di Spoleto aprirà un dialogo aperto con loro per capire i motivi e magari, perché no, porre rimedio. Sì, perché a quanto pare, il Comune, sembra non abbia alcuna intenzione a pubblicare un nuovo bando, dato che, in questo caso, sarebbe costretto a stravolgere i dettami di un avviso già “ricco” di agevolazioni per la società che si dovesse far carico dell’organizzazione. Quella che l’amministrazione comunale avrebbe intenzione di far vivere al Mercatino dell’Antico è una nuova era, che potrebbe sovvertire la tradizione di sempre. Non tanto per ciò che concerne le proposte che gli espositori metteranno sui rispettivi banchi, che, anzi, secondo quanto detta la delibera, dovranno essere implementati (da 40 possono arrivare a oltre 130), ma per ciò che riguarda quello che dovrà “girare”, più in generale, intorno all’evento. In particolare, essendo la mostra-mercato una tipologia di manifestazione limitata ad uno o più settori merceologici, omogenei o connessi tra loro, “si rileva la necessità di una organizzazione specializzata e con esperienza nel settore – recita il documento della giunta – che possa elevare il livello qualitativo della manifestazione, oltre ad organizzare contemporaneamente iniziative collaterali e di supporto, effettuando anche investimenti, adottando strategie ed utilizzando strumenti non in possesso delle pubbliche amministrazioni, che avessero con questa nuova forma di gestione un unico referente con cui confrontarsi per ogni aspetto di cui tenere conto”.

Articoli correlati