10.6 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeAttualitàFoligno, 564mila euro per piste ciclabili e due velostazioni

Foligno, 564mila euro per piste ciclabili e due velostazioni

Pubblicato il 12 Dicembre 2017 16:36

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Il presidente della sezione di Foligno della Federazione italiana amici della bicicletta, Pietro Stella, l’aveva detto: “Il problema delle piste ciclabili cittadine è che sono spezzettate”. La terza città dell’Umbria, infatti, benché morfologicamente si presti ad essere ciclabile, non può ancora contare su un sistema integrato di tracciati che permetta di muoversi sulle due ruote in totale sicurezza. E se il presidente Stella ipotizzava soluzioni “low cost” tracciando sulla carreggiata principale corsie dedicate esclusivamente alle bici, nei piani dell’amministrazione comunale si può fare di più. La mobilità alternativa, infatti, rientra tra i pilastri dell’ormai nota Agenda Urbana, attraverso la quale arriveranno a Foligno sei milioni e mezzo di euro, dei quali 564mila verranno investiti – così come riportato in un’apposita delibera di giunta – per il potenziamento della rete dei percorsi ciclabili esistenti. L’idea è dunque quella di chiudere definitivamente il cerchio, completando i tracciati presenti in città. Quattro, in particolare, le piste su cui si andrà ad operare, a cominciare dal sempre tanto discusso tracciato di viale Firenze che, tra buche e il manto stradale su più punti rialzato dalle radici degli alberi, costringe chi si muove in bici a continue gimkane. I lavori, però, riguarderanno solo un tratto di 400 metri a partire dall’intersezione con il ponte della Liberazione. Un secondo intervento, invece, interesserà via Gran Sasso, via Innamorati, via Fiamenga e di nuovo viale Firenze. L’area è quella di Foligno nord e il progetto prevede, tra l’altro, la creazione di un collegamento con la zona industriale de La Paciana. Sempre in quella parte di città, ma in direzione Fiamenga si procederà con altri lavori. L’idea è quella di realizzare lungo la strada regionale 316 una corsia protetta, dedicata esclusivamente alle biciclette. L’ultima area interessata dal progetto che, come detto, vedrà l’impiego di oltre mezzo milione di euro, sarà quella di via Santocchia, e dunque la zona sud di Foligno. In questo caso si lavorerà per collegare al meglio il centro storico con la frazione di Sant’Eraclio. Anche in questo caso attraverso la realizzazione di una pista ciclabile indipendente e protetta dalla carreggiata, con tanto di collegamento al percorso esistente. Ma nel pacchetto di interventi rientra anche la realizzazione di due velostazioni: una in prossimità della stazione, con l’obiettivo di incrementare tra i pendolari l’utilizzo delle due ruote; ed un’altra in piazza Matteotti. In quest’ottica, al concetto di mobilità dolce si andrà ad affiancare anche quello di intermodalità, che punta a favorire l’utilizzo di mezzi pubblici e a lasciare le auto a casa. Con tutto ciò che ne consegue, dunque, anche in termini di sostenibilità ambientale e salubrità dell’aria.

Articoli correlati