8.1 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeCulturaL’ultimo film di animazione della 20th Century Fox parla folignate con l’arte...

L’ultimo film di animazione della 20th Century Fox parla folignate con l’arte di Stefano Emili

Pubblicato il 14 Dicembre 2017 14:16

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

Domenica scorsa è apparsa a sorpresa a Milano, in piazza Duomo. E da lì è partita la sfida a colpi di selfie da parte di cittadini e turisti. Scatti poi approdati sui più trafficati social, nei quali compariva – accanto al soggetto di turno – il simpatico faccione del toro Ferdinand, ultima creazione della 20th Century Fox Animation. Nessuno, però, sapeva – fino all’annuncio ufficiale – che quell’opera artistica porta una firma folignate. Quella di Stefano Emili, contattato dai celebri studi cinematografici statunitensi per promuovere a livello nazionale, attraverso l’arte, il film d’animazione digitale che vede appunto protagonista Ferdinand. “Per questa esperienza – racconta Emili – non potevo che affidarmi alla preziosa collaborazione degli abili cartapestai del laboratorio dei carri allegorici “Fabrizio Biagetti” del “Carnevale dei Ragazzi” di Sant’Eraclio”. E così è stato. Dopo essersi rimboccato le maniche, il team di artisti si è messo al lavoro per realizzare in pochi giorni la scultura che poi – come detto – domenica 10 dicembre è apparsa a sorpresa in piazza Duomo, a Milano. Un modo alquanto originale e suggestivo per festeggiare le due nominations  – quella come miglior film d’animazione e miglior canzone “Home” – ai Golden Globe 2018  del film “Ferdinand” che uscirà per Natale nelle sale cinematografiche il prossimo 21 dicembre prodotto da Blue Sky Studios, creatori – tra gli altri – di pellicole come Rio e l’Era Glaciale. La trama del film diretto da Carlos Saldanha con John Cena e Kate Mckinnon è l’adattamento di un libro per ragazzi scritto da Munro Leaf e illustrato da Robert Lawson nel 1936, “Il toro Ferdinand” appunto, che fu apprezzato da Thomas Mann, Gandhi, Franklin e Eleanor Roosvelt. Per i contenuti ritenuti “sovversivi” fu bruciato dai nazisti e messo all’indice dalla Spagna franchista. A dispetto della sua stazza e della sua forza, infatti, il toro non ha alcun interesse a dimostrare di essere potente e feroce, al contrario aspira ad una vita tranquilla, annusa le margherite si stiracchia all’ombra degli alberi e fa amicizia con una bambina adorabile Nina. Il toro “pacifista” che non ama la violenza della corrida si lancia in un ardito e roccambolesco piano di fuga dalla Villa dei Tori dove era stato requisito. L’imponente scultura di “Ferdinand” realizzata da Stefano Emili che campeggiava nella centralissima piazza Duomo è stata poi trasferita al “Bicocca Village” centro commerciale di Milano, dove rimarrà fino a domenica 17 dicembre, prima di raggiungere la galleria commerciale “Porta di Roma” dal 18 al 24 dicembre.

Articoli correlati