5.7 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeAttualitàIl popolo del web ha scelto: è Raoul Baldaccini il "Folignate dell'anno"

Il popolo del web ha scelto: è Raoul Baldaccini il “Folignate dell’anno”

Pubblicato il 1 Gennaio 2018 12:26

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

È Raoul Badaccini il vincitore della sfida all’ultimo click che ha mobilitato tutta Foligno. Il priore del rione Badia ha sbaragliato gli altri aspiranti al titolo di “Folignate dell’anno” nel sondaggio che la redazione di Rgu e rgunotizie.it ha lanciato qualche giorno fa per scegliere colui/colei che nel corso dei 365 giorni precedenti  si è distinto/a  per aver rappresentato e dato lustro alla città. La decisione quest’anno è stata tutt’altro che semplice.  Due anni fa, senza alcuna esitazione,  la scelta era ricaduta sul partigiano 92enne Enrico Angelini  che, cancellando la svastica disegnata con lo spray a Cascina Raticosa, aveva attirato l’attenzione dei media prima locali e poi nazionali. Nessun dubbio anche l’anno successivo quando  il nome di Foligno ha addirittura fatto il giro del mondo grazie al talento dello schermidore Andrea Santarelli che ha riportato a “lu centru de lu munnu” la medaglia d’argento. La particolarità del 2017 è stata l’imbarazzo della scelta. L’anno che si è appena concluso  infatti è stato ricco di nomi che meritano di essere menzionati. Federico Angelucci, Claudia Di Meo, Leonardo Spinazzola, Raoul Baldaccini e Manolo Il Capriolo sono stati i cinque personaggi, selezionati dalla redazione, che più di tutti hanno fatto parlare di sé.  Tutti, ognuno a modo suo, hanno un legame forte con Foligno e tutti, anche se in ambiti diversi, sono stati protagonisti della vita della comunità locale. Ecco così che l’emittente  ha voluto coinvolgere tutta la città e far scegliere agli stessi folignati, che hanno potuto votare fino al 31 dicembre, chi tra di loro meritasse di essere il testimonial di questo 2017. La vittoria di Cristian Cordari in sella ad Agnesotta nella Giostra della Quintana di settembre scorso ha posto fine al calvario del rione Badia che non portava a casa un palio da ben 34 anni. I folignati hanno scelto di premiare lo storico priore della contrada di piazza Garibaldi che non si è mai risparmiato e che, nonostante le continue sconfitte, ha continuato a crederci senza perdere la speranza né un briciolo di passione. Un evento che ha coinvolto tutta la città, un personaggio che è espressione dei valori della manifestazione che rappresenta Foligno in Italia e all’estero. Un nome, quello di Raoul Badaccini, che trasmette forza, che esorta a non abbandonare mai il proprio sogno, un nome che rimanda all’immagine di una città intera in piazza a festeggiare. IL SONDAGGIO – E’ stato chiuso alle 23.30 del 31 dicembre il sondaggio che ha coinvolto tutta la città. I folignati non si sono risparmiati nell’esprimere il loro parere. Il 24 per cento di loro ha scelto il priore del rione Badia (222 voti). Federico Angelucci, il cantante che diversi anni fa ha vinto il talent “Amici” e che quest’anno si è classificato secondo nel programma di Rai Uno “Tale e quale show” è stato premiato dal 21 per cento dei suoi concittadini, con solamente 22 preferenze in meno di Baldaccini. Ad un passo da Angelucci, con il 20 per cento di voti (183 preferenze), l’orgoglio folignate Leonardo Spinazzola che la città ha ammirato correre sul campo da calcio con la maglia della nazionale italiana.  Ha conquistato il 18 per cento dei folignati Claudia Di Meo (171 voti) apprezzata per aver portato un po’ di Foligno nella cucina del programma britannico “Masterchef Professional”. Per Manolo, il 17 per cento dei voti, ovvero 160 preferenze. Il capriolo, entrato nel cuore dei folignati, ha incuriosito tutta Italia per la sua predisposizione al contatto con gli umani, entusiasmando la cronaca nazionale con le sue comparsate tra le strade cittadine. Insomma, leggendo i dati del sondaggio, la distanza tra i vari contendenti non appare così netta. Un equilibrio che ha visto nelle ultime ore del voto addirittura il sorpasso di Angelucci nei confronti di Baldaccini, capace però di avere la meglio nello sprint finale.

Articoli correlati