26.5 C
Foligno
domenica, Luglio 21, 2024
HomeCronacaDalla Regione Umbria arrivano i contributi per l'acquisto di parrucche post-chemioterapia

Dalla Regione Umbria arrivano i contributi per l’acquisto di parrucche post-chemioterapia

Pubblicato il 28 Marzo 2018 18:40

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Operazione “Oro rosso”, controlli straordinari della Polfer contro i furti di rame

Gli agenti di Foligno e Perugia hanno effettuato verifiche in tre attività di rottamazione per il rispetto delle normative di settore e lungo le linee ferroviarie per accertare l’integrità dei cavi. Intensificata anche l’attività nelle stazioni: identificate 259 persone

Mezzi ancora in azione a Poreta: in volo un canadair e un elicottero

Proseguono per il terzo giorno consecutivo le operazioni di spegnimento dell’incendio che ha interessato le aree ai confini tra i comuni di Campello e Spoleto. Fino alle 20 di sabato sospensione dell’energia elettrica nelle zone interessate dalle fiamme

Il Torneo nazionale degli oratori si chiude a Foligno e incorona Joco Campus

Le finali di “TuttInGioco” hanno visto la compagine locale alzare la coppa dell'ultima delle cinque finali del progetto organizzato in 50 centri estivi dal Centro Sportivo Italiano e da Fondazione Conad ETS con il supporto di PAC 2000A Conad, per promuovere e diffondere i valori dello sport

“La Regione Umbria ha stanziato un contributo economico per aiutare le persone malate di tumore, che hanno perso i capelli a causa di trattamenti chemioterapici, ad acquistare una parrucca e ad affrontare in maniera più serena le cure”. Lo ha reso noto l’assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Luca Barberini, evidenziando che “l’Umbria è tra le prime Regioni ad aver adottato un provvedimento del genere, impegnando risorse regionali specifiche, poiché l’acquisto di parrucche non è stato incluso tra le prestazioni offerte dal Servizio sanitario nazionale, attraverso l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza (Lea)”. “Si tratta di una precisa scelta politica – ha spiegato Barberini –, effettuata anche a seguito del dibattito in Consiglio regionale, che riconosce lo stato patologico della perdita dei capelli (alopecia), in conseguenza di trattamenti chemioterapici, prevendendo il diritto a ottenere, dall’Azienda sanitaria di riferimento, un contributo di 300 euro per l’acquisto di una parrucca. L’intervento è rivolto a tutti i cittadini umbri interessati da tale patologia, senza distinzioni di sesso o età, come parte integrante del percorso di assistenza socio-sanitaria. L’obiettivo è aiutarli a superare un momento particolare della vita, ponendo grande attenzione anche ad aspetti che possono apparire secondari, ma che di fatto non lo sono perché strettamente legati alla sfera psicologica e alla dignità della persona”. “Il messaggio che vogliamo dare – ha evidenziato l’assessore – è che la sanità umbra non lascia indietro nessuno e che la comunità regionale sostiene chi è più fragile, anche attraverso piccoli gesti capaci di dare speranza”. Il riconoscimento dello stato patologico della perdita dei capelli (alopecia) in conseguenza di trattamenti chemioterapici è stato sancito nella legge di stabilità regionale 2018 (LR 18/2017). La Giunta regionale, con propria deliberazione, ha definito le modalità operative per la concessione del contributo, stanziando un fondo di 80mila euro per l’anno 2018. Ogni paziente oncologico residente in Umbria, affetto da alopecia a seguito di chemioterapia, ha quindi diritto a un contributo di 300 euro per l’acquisto di una parrucca. La richiesta va indirizzata alla Azienda Usl di riferimento utilizzando un apposito modulo, presentando un certificato che attesti la patologia neoplastica e l’intercorsa alopecia secondaria a trattamenti chemioterapici e la ricevuta di avvenuto pagamento per l’acquisto della parrucca in data successiva al 1° gennaio 2018.

Articoli correlati