12.3 C
Foligno
martedì, Aprile 16, 2024
HomeCulturaA Cannara è tempo di vernaccia: il vino rosso rubino torna a...

A Cannara è tempo di vernaccia: il vino rosso rubino torna a colorare le tavole del borgo

Pubblicato il 29 Marzo 2018 17:56

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

In centinaia per dire “no” ai motori sui sentieri

La manifestazione, organizzata dal Cai della regione Umbria, ha coinvolto numerosi cittadini e alcuni esponenti delle istituzioni, che hanno ribadito la contrarietà all’emendamento che liberalizza il transito dei veicoli in montagna

Passaporti, anche a Foligno scattano le nuove modalità

Da mercoledì 17 aprile le prenotazioni, effettuabili solamente online, vedranno gli uffici del commissariato aumentare la loro disponibilità per quanto riguarda giorni e orari. Ecco come fare

Il vino che fa bene all’arte: duemila bottiglie Caprai restaureranno la chiesa di Bevagna

Torna l'iniziativa del produttore montefalchese in favore dei beni culturali del territorio. La speciale etichetta è disegnata dal maestro Luigi Frappi

Torna la Festa della vernaccia. Da mercoledì 4 a domenica 8 aprile, infatti, i riflettori del piccolo borgo di Cannara si accenderanno su quel vino, rosso rubino, oggi riscoperto ma che vanta nel territorio una lunga produzione amatoriale. La vernaccia colorerà così la tavola ma non solo. Sono infatti tante le iniziative in programma, tra musica, incontri, arte, sport e spettacolo. La festa, come sempre, avrà il suo quartier generale “Al Cortile antico” gestito dall’Avis comunale, in cui ogni giorno sarà aperto lo stand gastronomico dalle 19.30 (sabato e domenica anche a pranzo dalle 12.30). Nel solco della tradizione l’anteprima della festa, con degustazioni di vernaccia amatoriale gratuite per le vie del paese nei giorni di Pasqua e Pasquetta, riprendendo un’antica usanza del territorio. E poi da mercoledì la festa vera e propria, con l’apertura dello stand gastronomico e musica dal vivo a partire dalle 21. Sul tema delle tradizioni che si tramandano si aprirà la giornata di venerdì 6 aprile al teatro Ettore Thesorieri con la premiazione degli alunni delle classi quinte della scuola primaria di Cannara che hanno partecipato al concorso ‘La vernaccia e la nostra storia’. Il programma proseguirà, alle 18, all’auditorium San Sebastiano con la tavola rotonda “La vernaccia vs i passiti”. Nei pomeriggi del 7 e 8 aprile sono previste altre iniziative: ‘Merenderia: 50 sfumature di vernaccia’ in piazza Baldaccini al percorso “#scoprire Cannara” dal museo alla città. E poi la sfida culinaria “all’ultimo piatto” a base di vernaccia che vedrà sfidarsi i presidenti di tutte le associazioni di Cannara e l’anteprima del “Canta cipolla”, concorso canoro che alla sua prima edizione, nella scorsa Festa della cipolla, ha riscosso un grande successo e che sarà riproposto. L’ultima giornata della festa, domenica 8 aprile, si aprirà con “La vernaccia cammina”, percorso di 7 chilometri tra le colline di Collemancio con tappa finale al sito Urvinum Hortense e la visita guidata agli scavi. Un altro dei momenti apprezzati della manifestazione è la premiazione delle vernacce amatoriali con un’orizzontale alla cieca che si terrà Al Cortile antico. In programma, inoltre, lo spettacolo “Libero libero” al teatro Thesorieri.

Articoli correlati