23.2 C
Foligno
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeCulturaLa magia del Natale si unisce a quella delle Gaite: mestieri aperti...

La magia del Natale si unisce a quella delle Gaite: mestieri aperti per le festività

Pubblicato il 7 Dicembre 2023 14:03

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Colpito da infarto, ictus e trombosi guida fino in ospedale, poi crolla nel parcheggio: salvato dai medici

Protagonista dell'incredibile vicenda un 65enne che, impossibilitato a parlare per chiedere aiuto, ha deciso di raggiungere in autonomia il "San Giovanni Battista". Straordinario lavoro di squadra da parte dei medici: gli interventi non hanno avuto complicanze

Elezioni, a Montefalco sarà Alfredo Gentili a sfidare Daniela Settimi

Funzionario giudiziario in pensione, Gentili proviene dal mondo dell'associazionismo e punterà a “generare un necessario e proficuo cambiamento”

A Nocera Umbra tante iniziative per ricordare Fulvio Sbarretti e Augusto Renzini

In occasione dell'ottantesimo anniversario delle due Medaglie d'oro assegnate ai carabinieri, la città delle acque ha organizzato un fitto programma che durerà fino al prossimo mese di novembre

Il Natale è alle porte e, alla magia che questo periodo porta con sé, Bevagna unirà quella del Mercato delle Gaite. In occasione delle imminenti festività, il borgo umbro è pronto a spalancare le porte delle quattro Gaite per accogliere tutti coloro che decieranno di fare tappa nel paese. A partire da venerdì 8 dicembre (calendario aperture su www.ilmercatodellegaite.it) le botteghe del Circuito dei Mestieri Medievali, permetteranno ai turisti di vivere un vero e proprio viaggio sensoriale verso un mondo lontano, in cui antiche formule e ritmi cadenzati e sicuri scandivano il tempo del lavoro. Nella penombra di spazi angusti rivivranno le botteghe del Trecento, dove un caleidoscopio di emozioni accompagnerà il racconto degli antichi saperi e delle antiche arti: la produzione di carta Bambagina e della candela Duplero, i segreti del dipingere, la produzione e tessitura della seta. E se è vero che a Bevagna il Medievo vive tutto l’anno, allora ecco che alla Cartiera, Cereria, Bottega del Dipintore e al Setificio, le quattro Gaite uniranno lo spettacolare Presepe Vivente nelle logge del palazzo dei Consoli. Nei giorni 29 e 30 dicembre, il Mercato delle Gaite parteciperà al progetto della parrocchia di San Michele Arcangelo, del Comune di Bevagna, della Compagnia Teatrale Agape e della Proloco di Bevagna, proponendo la sua narrazione medievale, ricreando le atmosfere del tempo, con i suoi figuranti, i suoi artigiani, gli abiti, i manufatti, le scenografie, le attività e la febbrile animazione che pervadeva il borgo nei giorni del Natale. Sarà un Presepe Vivente Medievale molto particolare: il ricordo, a 800 anni da quella notte, della rievocazione della Natività voluta da San Francesco nel piccolo borgo di Greccio, dove frate Francesco con una greppia colma di fieno, un bue e un asinello volle comunicare la sua Betlemme.

Articoli correlati