20.2 C
Foligno
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeCronacaSi finge operatrice delle Poste e truffa un giovane di Cannara

Si finge operatrice delle Poste e truffa un giovane di Cannara

Pubblicato il 9 Dicembre 2023 12:59

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Colpito da infarto, ictus e trombosi guida fino in ospedale, poi crolla nel parcheggio: salvato dai medici

Protagonista dell'incredibile vicenda un 65enne che, impossibilitato a parlare per chiedere aiuto, ha deciso di raggiungere in autonomia il "San Giovanni Battista". Straordinario lavoro di squadra da parte dei medici: gli interventi non hanno avuto complicanze

Elezioni, a Montefalco sarà Alfredo Gentili a sfidare Daniela Settimi

Funzionario giudiziario in pensione, Gentili proviene dal mondo dell'associazionismo e punterà a “generare un necessario e proficuo cambiamento”

A Nocera Umbra tante iniziative per ricordare Fulvio Sbarretti e Augusto Renzini

In occasione dell'ottantesimo anniversario delle due Medaglie d'oro assegnate ai carabinieri, la città delle acque ha organizzato un fitto programma che durerà fino al prossimo mese di novembre

Si è finta operatrice delle Poste ed è riuscita a truffare un giovane di Cannara. La donna, una 45enne della provincia di Napoli, insieme ad un complice che le forze dell’ordine stanno ora cercando di identificare, ha tratto in inganno la vittima inviandogli un messaggio di “alert” per segnalargli un’attività sospetta sul suo conto. Servendosi di un’utenza mobile riconducibili falsamente a Poste Italiane, ha agganciato il giovane cannarese chiedendogli di compilare un apposito modulo. Così facendo, i due malfattori sono riusciti ad entrare in possesso dei dati di accesso al suo portale home banking. Non contenta, la donna ha contattato telefonicamente il giovane e, raggirandolo, lo ha convinto ad eseguire un versamento di circa mille euro, convincendolo che era necessario per mettere in salvo il denaro presente sul conto prima che potesse essere prelevato da potenziali truffatori. Resosi conto di quanto accaduto, il giovane si è quindi rivolto ai carabinieri della stazione di Cannara. Le indagini hanno quindi consentito di individuare il conto utilizzato dai due truffatori e di scoprire che la carta Postepay su cui confluivano tutti i soldi era stata clonata ai danni di una giovane donna residente nel Salernitano, vicenda per la quale era stata presentata una denuncia alla Procura di Lagonegro. La donna è stata quindi denunciata, in stato di libertà, all’autorità giudiziaria di Perugia per truffa aggravata.

Articoli correlati