10.6 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeEconomiaAi 26 dipendenti della Pasta Julia la solidarietà di Progetto Spello

Ai 26 dipendenti della Pasta Julia la solidarietà di Progetto Spello

Pubblicato il 29 Dicembre 2023 14:03

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Solidarietà ai dipendenti della Pasta Julia è stata espressa dai rappresentanti di Progetto Spello, che parlano di “nefasto quanto annunciato epilogo”. Il gruppo di iniziativa civica è intervenuto sulla vicenda a seguito della notizia del licenziamento collettivo dei 26 lavoratori dello stabilimento di Spello, in cassa integrazione da mesi e che da gennaio resteranno senza lavoro. Lo scorso luglio Progetto Spello aveva anche promosso “un incontro pubblico che analizzava la situazione della zona industriale in generale e quella della Pasta Julia in particolare”. In quella sede, come ricordato oggi, il gruppo di iniziativa civica aveva auspicato “l’ipotesi di acquisizione da parte di imprenditori che potessero rilevare l’azienda e il marchio Pasta Julia, a lungo eccellenza locale del ‘food made in Italy’ nel settore della pasta fresca e che nonostante tutto, ha tuttora i requisiti di attrattività e distinzione nel settore”. Calato il sipario sulla vicenda con il licenziamento, come detto, di tutti i 26 lavoratori, la speranza di Progetto Spello è che “rimanga puntata la luce della giustizia su questa vicenda in cui troppe parti non hanno tutelato i lavoratori, hanno mortificato un marchio identitario di un territorio e calpestato il principio di fare impresa in maniera sana”. “L’amministrazione, sempre presenzialista nelle grandi occasioni – sottolineano da Progetto Spello -, forse poteva fare di più cercando in tempi non sospetti le alternative oggi sbandierate con finto interesse. A questi lavoratori e alle loro famiglie – concludono – vanno i nostri più sentiti auguri, auspicando che questa cessazione possa essere l’inizio di una nuova storia di imprenditoria sana, responsabile, trasparente e innovativa, che valorizzi il territorio, le persone ed il lavoro”.

Articoli correlati