17 C
Foligno
domenica, Aprile 14, 2024
HomeEconomiaAi 26 dipendenti della Pasta Julia la solidarietà di Progetto Spello

Ai 26 dipendenti della Pasta Julia la solidarietà di Progetto Spello

Pubblicato il 29 Dicembre 2023 14:03

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

La nave di Festa di Scienza e Filosofia verso l’attracco: tocca a Fabbri e Battiston

Ventidue le conferenze in agenda per l’ultima giornata, quella di domenica, ma anche tanti laboratori ed eventi ad attendere il pubblico. A poche ore dalla chiusura superate le 10mila prenotazioni: si sta per chiudere un'edizione straordinaria dedicata al Mediterraneo

Non rispetta la semilibertà: trentacinquenne sconterà i tre anni di pena in carcere

L'uomo originario dell'Ecuador era residente a Spello, ma è stato trovato dai carabinieri ubriaco a Bastia Umbra. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Spoleto

Elezioni, a Campello sul Clitunno il centrodestra sceglie Fabiana Grullini

L'attuale consigliere comunale del Gruppo misto aveva già rivestito il ruolo di assessore nel 2019 con l'attuale giunta guidata da Maurizio Calisti. Le prime parole: "Con me squadra che rappresenta sensibilità e professionalità"

Solidarietà ai dipendenti della Pasta Julia è stata espressa dai rappresentanti di Progetto Spello, che parlano di “nefasto quanto annunciato epilogo”. Il gruppo di iniziativa civica è intervenuto sulla vicenda a seguito della notizia del licenziamento collettivo dei 26 lavoratori dello stabilimento di Spello, in cassa integrazione da mesi e che da gennaio resteranno senza lavoro. Lo scorso luglio Progetto Spello aveva anche promosso “un incontro pubblico che analizzava la situazione della zona industriale in generale e quella della Pasta Julia in particolare”. In quella sede, come ricordato oggi, il gruppo di iniziativa civica aveva auspicato “l’ipotesi di acquisizione da parte di imprenditori che potessero rilevare l’azienda e il marchio Pasta Julia, a lungo eccellenza locale del ‘food made in Italy’ nel settore della pasta fresca e che nonostante tutto, ha tuttora i requisiti di attrattività e distinzione nel settore”. Calato il sipario sulla vicenda con il licenziamento, come detto, di tutti i 26 lavoratori, la speranza di Progetto Spello è che “rimanga puntata la luce della giustizia su questa vicenda in cui troppe parti non hanno tutelato i lavoratori, hanno mortificato un marchio identitario di un territorio e calpestato il principio di fare impresa in maniera sana”. “L’amministrazione, sempre presenzialista nelle grandi occasioni – sottolineano da Progetto Spello -, forse poteva fare di più cercando in tempi non sospetti le alternative oggi sbandierate con finto interesse. A questi lavoratori e alle loro famiglie – concludono – vanno i nostri più sentiti auguri, auspicando che questa cessazione possa essere l’inizio di una nuova storia di imprenditoria sana, responsabile, trasparente e innovativa, che valorizzi il territorio, le persone ed il lavoro”.

Articoli correlati