24.8 C
Foligno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCulturaAnna Laura, 'mastra cartaia' nel segno di nonno Silvano: “Così noi giovani...

Anna Laura, ‘mastra cartaia’ nel segno di nonno Silvano: “Così noi giovani facciamo vivere le Gaite”

In occasione della Primavera Medievale che si svolgerà a Bevagna dal 24 al 28 aprile, abbiamo intervistato la ventitreenne Mariani Marini, che insieme a suo fratello e a un gruppo di giovani volontari gestisce la Cartiera della San Giovanni. Il programma della manifestazione

Pubblicato il 23 Aprile 2024 16:57 - Modificato il 24 Aprile 2024 14:30

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

“Anziani allontanati dal comizio e identificati”: “giallo” sul comizio elettorale

Il fatto, che stando a quanto riportato da Uniamo Foligno sarebbe accaduo a Belfiore durante l'incontro elettorale del centrodestra, avrebbe riguardato due rappresentanti dell'Us Belfiore che chiedevano la sede per l'associazione: “Il sindaco condanni l'episodio”

Via Flaminia Antica, scuole protagoniste

Il progetto ideato dal Club per l'Unesco di Foligno e Valle del Clitunno ha visto il coinvolgimento di tantissimi istituti del territorio, che hanno approfondito la storia della via di comunicazione romana

Quintana, ecco il palio della Sfida firmato da Mirabella

Il trentaseinne originario di Enna ha firmato il drappo presentato nel corso della Cena Grande e realizzato in collaborazione con Massimo Fiordiponti, storico quintanaro che ha curato la parte sartoriale

Torna la Primavera Medievale, anteprima del Mercato delle Gaite di giugno. La rievocazione storica si svolgerà a Bevagna dal 24 al 28 aprile, con un ricco programma di iniziative. Tanti gli eventi in programma, dalle taverne aperte – dove sarà possibile mangiare alla maniera degli antichi ristori medievali – agli spettacoli di giullari e musici in giro per la città, passando per conferenze con studiosi ed esperti storici, fino alle visite nelle botteghe dei mestieri medievali (La Cartiera di Mastro Cecco della Gaita San Giovanni, La Cereria della Gaita San Pietro, Il Dipintore della Gaita San Giorgio e Il Setificio della Gaita Santa Maria).

Anna Laura Mariani Marini nella Cartiera medievale (foto Lorenz Cuno Klopfenstein)


Quella delle Gaite è una realtà fatta di giovani volontari e bevanati appassionati, che ogni anno in occasione delle rievocazioni di aprile e giugno affollano le vie, le botteghe e le taverne del borgo vestiti in abiti medievali. Tra questi Anna Laura Mariani Marini, bevanate ventitreenne: “Sono artigiana volontaria e mastra cartaia della Cartiera medievale della Gaita San Giovanni, bottega dove mostriamo a turisti e curiosi come veniva realizzata la carta nel medioevo a partire dagli stracci. Personalmente mi occupo delle visite guidate, della promozione e gestione dei profili social della Cartiera e della realizzazione di fogli in carta bambagina. Insieme a mio fratello Riccardo e altri giovani volontari, portiamo avanti il progetto a cui nostro nonno Silvano si è dedicato per tutta la vita. Abbiamo infatti assunto la gestione della Cartiera quando due anni fa è venuto a mancare mio nonno, fondatore della cartiera insieme a mastro Cecco e altri volontari: erano i due mastri cartai per eccellenza che hanno portato avanti la cartiera medievale da quando è nata. Ci siamo trovati da un momento all’altro a dover gestire una macchina enorme che aveva bisogno del lavoro e supporto di tante persone, abbiamo quindi dovuto imparare i processi di produzione della carta e per farlo abbiamo chiesto aiuto alla cartiera di Fabriano. Pian piano siamo ripartiti e ora a gestire la bottega siamo tutti giovani dai 20 ai 40 anni. Tra questi anche Alan Arcangeli che si occupa della produzione della carta e Alessandra Piccini che realizza souvenir con la carta da noi prodotta e si occupa delle visite guidate. In più, con mio fratello abbiamo da poco iniziato a fare visite guidate della Cartiera in lingua inglese e francese per i turisti”.

Anna Laura Mariani Marini nella Cartiera medievale (foto Lorenz Cuno Klopfenstein)

La rievocazione storica della Primavera Medievale dei prossimi giorni prevede un fitto calendario di iniziative: 


Si partirà il 24 aprile alle 17 alle Logge del Palazzo dei Consoli con la mostra “Le immagini di un sogno”, il Mercato delle Gaite nelle foto di Alessandro Bertani, Danilo de Lurentis, Alessandro Firmalli e Stefano Preda. Sempre nella stessa giornata sarà possibile sia cenare presso le taverne delle quattro Gaite che visitare le botteghe dei quattro mestieri medievali dalle 21 alle 23.
In programma per la seconda giornata di giovedì 25 aprile, iniziative musicali con giullari e musici per le vie del borgo (10.30/12.30 – 16/19 – 21/23) e culturali con Amedeo Feniello che dialogherà con Federico Fioravanti sul suo volume “Omicidio a Lombard Street” alle 16 all’Auditorium Santa Maria Laurentia. Ma anche visite per la città insieme alla guida turistica Cinzia Conte con “Andar per Gaite”, ritrovo alle 17.50 piazza Filippo Silvestri. Saranno poi aperture sia le taverne medievali a pranzo e a cena che le quattro botteghe dei mestieri medievali (10/12 – 15/18 – 21/23) con la visita laboratorio “Nella bottega della seta” per grandi e piccini dalle 15 alle 17.
Venerdì 26 aprile avranno luogo sessioni libere di gioco di ruolo e da tavolo a tema medievale/fantasy con “Mevanialudica 2° edizione”, visite per la città con la guida Cinzia Conte con “Andar per Gaite”, ritrovo alle 17.50 piazza Filippo Silvestri, e aperture delle botteghe dei mestieri medievali (10/12 – 15/18 – 21/23), in particolare la Bottega della cera con visita laboratorio dalle 15 alle 17. Saranno poi aperte le quattro taverne per la cena ed è in programma per le 22, in piazza Filippo Silvestri, la Disfida con l’Arco storico tra gli arcieri delle Gaite.
Giornata dedicata alle streghe quella di sabato 27 aprile con il convegno di studi “Dalle mediche alle streghe: storia di una mutazione” alle 10 all’Auditorium Santa Maria Laurentia e l’incontro della Gaita San Giorgio previsto per le 17.30 nello stesso Auditorium “Tramandare la cura, l’arte di coloro che hanno chiamato streghe”.
Previsto per tutto il giorno anche un grande mercato medievale in piazza Filippo Silvestri. In programma l’incontro “Andar per Gaite” (ritrovo 17.50 piazza Filippo Silvestri) e l’apertura delle quattro botteghe dei mestieri con appuntamento speciale della Bottega della carta dalle 15 alle 17. Ci saranno poi giullari e musici per le vie del borgo (10.30/12.30 – 16/19 – 21/23) e l’apertura delle taverne a pranzo e cena.
La giornata conclusiva di domenica 28 aprile prevederà: il mercato medievale in piazza Filippo Silvestri fino alle 20, visita guidata della città “Andar per Gaite” (ritrovo 9.50 piazza Filippo Silvestri), giullari e musici per le vie del borgo (10.30/12.30 – 16/19 – 21/23), apertura delle botteghe medievali (10/12 – 15/18 – 21/23) in particolare con una visita laboratorio alla bottega del dipintore dalle 15 alle 17 e l’apertura delle taverne per pranzo e cena. In aggiunta un incontro organizzato in collaborazione con l’Accademia di Bevagna all’Auditorium Santa Maria Laurentia alle 11, “Giovannuccio da Bevagna e gli eretici dello Spirito di libertà”.
È richiesta la prenotazione obbligatoria sia per le attività laboratoriali delle botteghe medievali che per le visite guidate di “Andar per Gaite”. Per maggiori informazioni visitare il sito Ilmercatodellegaite.it o le pagine social del Mercato delle Gaite.

Articoli correlati