23.6 C
Foligno
venerdì, Maggio 24, 2024
HomeCronacaLitiga con la moglie e la minaccia di morte: carabinieri ritirano le...

Litiga con la moglie e la minaccia di morte: carabinieri ritirano le armi a un 86enne

Deferito in stato di libertà un uomo residente a Cannara. A far scattare l’allarme è stata la stessa vittima che spaventata dall’atteggiamento del marito si è rivolta ai militari per chiedere aiuto

Pubblicato il 26 Aprile 2024 12:04 - Modificato il 27 Aprile 2024 12:15

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Erbe medicamentose e “stregoneria” al Convito medievale di Bevagna

In attesa dell’appuntamento di giugno con il Mercato delle Gaite, sabato 25 maggio, in occasione del banchetto annuale, tra pietanze, musiche, spettacoli e costumi, il borgo bevanate riporterà in vita le tradizioni e gli usi tipici dell’epoca

Foligno, dovrà scontare 17 anni anni di carcere per rapina, estorsione e spaccio

Un 45enne era in prova ai servizi sociali, ma il nuovo provvedimento del magistrato di sorveglianza ha imposto la detenzione a Capanne. A rintracciare l'uomo gli agenti del commissariato

Tutti in sella! A Verchiano torna la Rampicorno

Domenica 26 maggio l'appuntamento con la quinta edizione del cicloraduno non agonistico di mountain bike. Tre i percorsi previsti e studiati per permettere a tutti di vivere una giornata di sport e allegria

Minaccia aggravata. È l’ipotesi di reato contestata ad un 86enne di Cannara denunciato dai carabinieri della locale stazione. Secondo quanto ricostruito dall’Arma, al culmine di un litigio l’uomo avrebbe minacciato di morte la moglie che, in preda al panico, ha contattato il numero unico di emergenza per chiedere aiuto. A raggiungere l’abitazione della coppia sono stati quindi i militari della stazione cannarese che hanno subito cercato di sedare gli animi. Dopo aver riportato la calma, i carabinieri sono venuti a conoscenza del fatto che l’uomo avesse in casa armi e munizioni. Ne è così scattato il ritiro cautelativo, con lo scopo di chiedere alla Prefettura un provvedimento di divieto di detenzione tanto delle armi quanto delle munizioni. Intanto l’86enne è stato deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria per minaccia aggravata.

Articoli correlati