25.5 C
Foligno
lunedì, Maggio 27, 2024
HomeCronacaMesi di insulti e aggressioni alla compagna: 31enne in carcere per maltrattamenti

Mesi di insulti e aggressioni alla compagna: 31enne in carcere per maltrattamenti

Esasperata dalla situazione, la donna ha trovato il coraggio di chiedere aiuto alle forze dell’ordine: in suo soccorso gli agenti della polizia locale e del Commissariato di Foligno. In alcuni episodi le violenze sono avvenute anche alla presenza del figlio della vittima

Pubblicato il 3 Maggio 2024 13:08 - Modificato il 5 Maggio 2024 10:54

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Gli anziani al centro delle priorità dei futuri sindaci: l’appello di Uil in vista delle elezioni

Elisa Leonardi chiede il “coinvolgimento attivo delle amministrazioni locali per costruire insieme bilanci e strumenti per risolvere le problematiche esistenti”. Tra le criticità segnalate l’accesso ai servizi, mobilità, solitudine e difficoltà nel sostentamento

Foligno, ancora pochi giorni per iscrivere i propri figli ai nidi comunali

Il termine ultimo per presentare le richieste di accesso al servizio per l’anno educativo 2024/2025 è fissato al 31 maggio prossimo. Le istanze andranno inoltrate esclusivamente online attraverso il sito istituzionale di palazzo Orfini Podestà

“Anziani allontanati dal comizio e identificati”: “giallo” sul comizio elettorale

Il fatto, che stando a quanto riportato da Uniamo Foligno sarebbe accaduo a Belfiore durante l'incontro elettorale del centrodestra, avrebbe riguardato due rappresentanti dell'Us Belfiore che chiedevano la sede per l'associazione: “Il sindaco condanni l'episodio”

Per mesi l’ha insultata e denigrata, mettendone in discussione la fedeltà, ma non solo. Le indagini condotte dagli agenti del Commissariato di Foligno, diretto dal vice questore aggiunto Adriano Felici, hanno infatti portato alla luce anche episodi di aggressioni fisiche e percosse da parte di un 31enne nei confronti della compagna, in alcuni casi anche alla presenza del figlio della donna. Uno dei tanti risale allo scorso mese di aprile quando, secondo quanto emerso dagli approfondimenti effettuati dalla polizia, l’uomo l’ha aggredita provocandole lesioni giudicate guaribili in 20 giorni.

Esasperata dalla situazione, che la costringeva a vivere in un costante stato di ansia e di paura, la donna ha quindi chiesto aiuto alle forze dell’ordine. Ad intervenire in un primo momento, a seguito di un recente episodio di violenza, sono stati gli agenti della polizia locale, coordinati dalla comandante Simonetta Daidone. Poi, con la denuncia in mano e dopo i primi accertamenti, l’indagine è passata al Commissariato di via Garibaldi, che ha proceduto con tutti gli approfondimenti investigativi del caso, che hanno portato – come detto – a scoperchiare l’ennesima storia di violenza di genere. Sotto il costante coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto, gli agenti hanno quindi dato riscontro al racconto della donna.

Visti i gravi indizi di colpevolezza, il giudice per le indagini preliminari ha quindi emesso a carico del 31enne un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che ha portato all’arresto dell’uomo, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della compagna.

Articoli correlati