9.1 C
Foligno
martedì, Aprile 23, 2024
HomeEconomiaJ&P, i sindacati a "caccia" di anticipi per la cassa integrazione

J&P, i sindacati a “caccia” di anticipi per la cassa integrazione

Pubblicato il 10 Febbraio 2015 17:45

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Il rischio è quello di rimanere senza soldi per oltre quattro mesi. A correrlo potrebbero essere i dipendenti della J&P Industries. Gli operai attendono infatti la firma del decreto che sbloccherà la nuova cassa integrazione. Un periodo, più o meno lungo (possibile venga firmata a maggio), che metterebbe dunque in ginocchio tutte quelle persone già martoriate da una situazione più che mai precaria. Ed è per questo che dai sindacati è partita un’iniziativa, ovvero quella di girare vari istituti di credito per cercare un anticipo della cassa integrazione. Sentiamo le parole di Luciano Recchioni della Fiom-Cgil: “Dai giri che noi abbiamo fatto, interpellando anche i sindaci di Gualdo Tadino e Nocera Umbra, ci sembra che qualcuno stia rispondendo – attacca Recchioni – cerchiamo di poter dare una boccata d’ossigeno ai lavoratori. Qualche anno fa c’era stato anche un accordo tra Regione e Abi, ma noi abbiamo trovato un muro che invece non c’è stato nelle Marche”. Attualmente una sola banca ha dato il benestare all’anticipazione della cassa integrazione e tra alcuni giorni i propri correntisti potrebbero dunque avere una boccata d’aria. I sindacati rimangono ancora in attesa di risposte da altri istituti di credito, come ribadito dallo stesso Luciano Recchioni: “altri istituti stanno cercando di costruire un ‘pacchetto’ che possa essere apprezzabile per i lavoratori. So che anche i sindaci si sono mossi ed hanno strappato qualche altro ‘si’ – afferma Recchioni – in altre abbiamo delle difficoltà, ma cercheremo di contattare anche loro. Stiamo cercando di portare a casa un risultato importante perché trovarsi senza soldi per un lungo lasso di tempo non è facile anche perché ora il problema è anche sul mangiare”. Intanto si lavora anche su altri fronti: “siamo in attesa di capire quando avverrà l’incontro tra Governo e Regione per rimodulare l’accordo di programma – spiega Luciano Recchioni – spero che ciò avvenga entro questo mese. Tutto dipenderà da come andrà questo incontro e da quale sarà l’indirizzo che darà il Governo”.

Fabio Luccioli
Fabio Luccioli
Direttore di Radio Gente Umbra e Gazzetta di Foligno

Articoli correlati