11.3 C
Foligno
sabato, Aprile 20, 2024
HomeCronacaÉ morto il sindaco di Spoleto

É morto il sindaco di Spoleto

Pubblicato il 10 Dicembre 2017 09:53

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Gli sbandieratori e musici di Foligno di nuovo in Spagna: esibizione davanti a 40mila turisti

Dopo l’appuntamento di Alcalà de Henares per il “Mercado Cervantino”, seconda trasferta iberica per il gruppo che ha fatto tappa nella regione autonoma di Castilla-La Mancha per partecipare ad uno dei festival storici più importanti del Paese

Il Giro d’Italia arriva a Foligno: raffica di iniziative collaterali

Convegni, incontri, presentazioni di libri, passeggiate in rosa, iniziative per i bambini, pedalate per le vie della città: sono solo alcuni degli eventi previsti per "In giro al Centro del mondo". In programma anche una collaborazione con la Caritas e la realizzazione di un fumetto

Un mese di lavori sulla Orte-Falconara: come e quando cambia il servizio ferroviario in Umbria

La linea sarà interessata da lavori indispensabili sotto il profilo strutturale e tecnologico. Da parte di Trenitalia saranno previsti dei servizi sostitutivi per gli spostamenti

Gravissimo lutto a Spoleto: intorno alle 7.30 di domenica mattina é morto il sindaco Fabrizio Cardarelli. Il primo cittadino sarebbe stato stroncato da un infarto mentre era a casa. Un’intera città é sotto shock. Quella di domenica 10 dicembre rimarrà una pagina tristissima per la storia spoletina. Il malore non ha lasciato scampo a Cardarelli, visto che il pronto intervento dei sanitari a casa del primo cittadino é stato vano. Cardarelli aveva da pochi mesi compiuto 60 anni. Il sindaco sabato pomeriggio aveva partecipato alla Lex Spoletina consegnata quest’anno al generale dei carabinieri Tullio Del Sette. Il sindaco aveva però confessato ai suoi collaboratori di non sentirsi molto bene per un forte attacco febbrile. Domenica mattina poi il malore fatale. IL CORDOGLIO DELL’UMBRIA – E sono tanti i messaggi di cordoglio che stanno arrivando dalla comunità spoletina, ma non solo, per l’improvvisa scomparsa di Fabizio Cardarelli. NANDO MISMETTI – Come quello del sindaco di Foligno, Nando Mismetti, che ha parlato di “profondo dolore” per quanto accaduto al collega. “Ho avuto con lui rapporti costanti per verie situazioni che hanno interessato le nostre città – ha detto il primo cittadino folignate – e ho sempre apprezzato il suo impegno e la sua dedizione. Sono vicino alla sua famiglia e alla comunità di Spoleto”. CATIUSCIA MARINI – Sconvolti dall’improvvisa notizia della scomparsa del sindaco di Spoleto, anche gli esponenti della giunta della Regione Umbria, guidata dalla presidente Catiuscia Marini, hanno voluto far sentire la loro vicinanza alla famiglia di Fabrizio Cardarelli. “Ci piace ricordare il sindaco Cardarelli – si legge in una nota – prima di tutto come persona, profondamente umana, trasparente, un vero servitore civile, interessato unicamente a dare una prospettiva di qualità e di crescita alla città di Spoleto, la sua città, di cui era immensamente innamorato, interpretandone la forza e le potenzialità. Fabrizio ha operato in anni molto difficili, caratterizzati dalle crisi aziendali e dagli eventi sismici, ispirando la sua azione politica ed amministrativa alla collaborazione politica ed istituzionale, e motivato dalla ricerca di risposte concrete ai problemi della comunità. Per noi tutti – proseguono Catiuscia Marini e gli assessori regionali – Fabrizio non è stato solo il sindaco con cui relazionarci, un membro autorevole della comunità politica ed istituzionale dell’Umbria, ma è stato anche un amico cordiale, sempre pronto a trovare una soluzione ai problemi, e rispettoso delle relazioni umane, non perdendo mai anche la sua capacità di sorridere, anche quando la politica si faceva dura ed aggressiva. Senza alcuna retorica possiamo affermare che era una persona per bene. Ci dispiace tantissimo – si afferma ancora nella nota – per la sua improvvisa e dolorosa perdita, venendo meno una figura di uomo serio, intelligente, moralmente irreprensibile, di cui le comunità locali hanno particolarmente bisogno, per restituire fiducia ai cittadini nel lavoro delle istituzioni. Grazie sindaco! Grazie Fabrizio per quello che hai fatto in questi anni per la tua Spoleto – conclude la nota – e per tutta l’Umbria”. MARINA SERENI – “Apprendo con dolore la notizia della morte del Sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, amministratore fortemente legato alla sua città, capace, appassionato e sempre disponibile al confronto con le istituzioni e i cittadini”. Queste le parole del vicepresidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, che ha aggiunto: “alla famiglia e alla città di Spoleto esprimo il mio profondo cordoglio”. DONATELLA PORZI – Ad esprimere profondo cordoglio anche Donatella Porzi, a nome di tutta l’assemblea legislativa dell’Umbria. “Partecipiamo commossi al lutto della famiglia e dell’intera città – ha detto la presidente -. Fabrizio Cardarelli è sempre stato una persona che ha lavorato per la sua città, impegnandosi moltissimo nella sua attività politica e associativa, oltre che in quella professionale. È stato assessore, consigliere comunale, sindaco e presidente della Spoleto Credito e Servizi, ricoprendo tutti i suoi ruoli con un’unica costante: quella – ha concluso Donatella Porzi – di umile servitore della sua Spoleto”. CRISTIAN BETTI – “Fabrizio mi accompagnava come vicepresidente in questa nuova avventura dell’Auri” ha dichiarato Cristian Betti, presidente dell’Autorità umbra per rifiuti e idrico, commentando la scomparsa del sindaco di Spoleto. “Ho potuto conoscere una bellissima persona, competente, appassionata, seria, leale. Sono davvero stravolto dalla sua prematura scomparsa. Le mie più sincere condoglianze – ha concluso – alla sua famiglia”. GIULIANO NALLI E CANDIA MARCUCCI – Ad aggiungersi al coro di condoglianze, anche Giuliano Nalli e Candia Marcucci a nome di tutto il Consorzio della bonificazione umbra. “Da settembre – scrivono in una nota i due esponenti – Fabrizio Cardarelli era entrato a far parte del consiglio d’amministrazione dell’Ente coinvolgendosi da subito, nonostante i suoi innumerevoli impegni, con passione e competenza nell’attività del Consorzio. Ci stringiamo con affetto ai familiari per l’immenso lutto, piangendo con loro e con tutta la città di Spoleto per questa dolorosissima perdita”. I FUNERALI – L’ultimo saluto al sindaco Fabrizio Cardarelli verrà dato domani, lunedì 11 dicembre, alle 15 nel Duomo di Spoleto. Ad officiare la Santa Messa sarà il vescovo di Spoleto-Norcia, monsignor Renato Boccardo. La camera ardente verrà allestita oggi, domenica 10 dicembre, a Palazzo comunale. Per oggi e domani, lunedì 11 dicembre, è stato proclamato il lutto cittadino. LUTTO CITTADINO – È stato proclamato il lutto cittadino dalle ore 15 di domenica 10, fino alle 24 di lunedì 11 dicembre per la scomparsa del sindaco della città di Spoleto Fabrizio Cardarelli. Dalla mattinata di domenica 10 fino alle 24 di lunedì 11 dicembre è stata disposta l’esposizione delle bandiere a mezz’asta su tutti gli edifici comunali e l’allestimento della camera ardente a Palazzo Comunale nella Cappellina di San Ponziano, con apertura ai cittadini dalle 15 alle ore 22 del 10 dicembre e dalle 8 alle ore 14 dell’11 dicembre. Per il periodo del lutto cittadino è disposto lo spegnimento delle luminarie natalizie, la sospensione dell’attività didattica delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado della città di Spoleto, compresi i servizi educativi per l’infanzia, la sospensione di tutti gli eventi e spettacoli programmati con svolgimento nell’ambito del territorio comunale, con esclusione delle manifestazioni sportive. Chiusi anche gli uffici comunali aperti al pubblico, compresi la biblioteca “Carducci”, i musei comunali, le palestre comunali e la piscina F. Pallucchi, con esclusione del Centro Servizi al Cittadino e dell’Ufficio di stato civile. Negli uffici comunali verrà osservato un minuto di silenzio alle 15 di lunedì 11 dicembre. Tutti i cittadini, le istituzioni pubbliche, le organizzazioni sociali, culturali, produttive ed i titolari di attività private di ogni genere sono invitate a manifestare il proprio cordoglio nelle forme ritenute opportune, anche attraverso la sospensione delle rispettive attività, con esclusione dei servizi indispensabili ed obbligatori, durante il corso della cerimonia funebre.

Articoli correlati