7.5 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeEconomiaTari, a Foligno sale la bolletta: rincari dal 2,5 al 3,5%

Tari, a Foligno sale la bolletta: rincari dal 2,5 al 3,5%

Pubblicato il 2 Febbraio 2018 07:00

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

Sarà un 2018 all’insegna degli aumenti a Foligno per quanto riguarda la Tari. La tassa sui rifiuti, pur in maniera lieve, aumenterà per tutte le utenze, domestiche e non. L’annuncio è arrivato nel pomeriggio di giovedì in occasione della riunione della prima commissione consiliare. Per quanto riguarda le abitazioni, il Comune prevede un incremento tra il 2,5 ed il 3 per cento, mentre per le utenze non domestiche i rincari del 2018 andranno tra il 3,30 ed il 3,50 per cento. Secondo una stima fatta dagli uffici comunali, un’utenza domestica pagherà mediamente tra i cinque e i dieci euro in più rispetto al passato. Le motivazioni, come spiegato dall’assessore Elia Sigismondi, sono dovute principalmente al miglioramento e all’allargamento della raccolta differenziata porta a porta dell’organico. Entro l’anno dovrebbero quindi scomparire i cassonetti stradali dell’umido per fare spazio ad un ritiro utenza per utenza. “I nostri incrementi – spiega l’assessore – rimangono di gran lunga inferiori rispetto a quelli di altre realtà del territorio umbro. Quando si parla di Tari – ha proseguito Sigismondi – bisogna pensare anche al livello dei servizi offerti ai cittadini: ovviamente il ritiro porta a porta sul quale stiamo investendo è un servizio più oneroso rispetto a quello stradale che si faceva qualche anno fa”. Anche per quest’anno il Comune di Foligno ha previsto un fondo che servirà per l’esenzione della Tari nei confronti di quei soggetti con un Isee inferiore ai 5mila euro. In bilancio sono già previsti 80mila euro, ai quali si andranno ad aggiungere in corso d’opera altri 100mila: cifra che servirà per venire incontro alle fasce deboli, che per il 2018 saranno già esentate dal pagamento della prima rata. Nel corso dell’incontro con i responsabili della Valle Umbra Servizi ed i consiglieri comunali, l’assessore Sigismondi ha inoltre voluto ribadire il fatto che Foligno è tra i pochi territori dove il ciclo dei rifiuti è ancora interamente in mano pubblica. Per quanto riguarda la tariffa puntuale, la sua applicazione in città slitterà. Prima infatti, Comune e Vus dovranno mettere mano al riassetto complessivo della raccolta differenziata. Solamente dopo aver messo a punto il tutto, si penserà alla tariffa puntuale.

Fabio Luccioli
Fabio Luccioli
Direttore di Radio Gente Umbra e Gazzetta di Foligno

Articoli correlati