23.2 C
Foligno
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeIn EvidenzaQuartiere Ina Casa, Barbetti (Pd): “Servizi carenti e assenza di spazi di...

Quartiere Ina Casa, Barbetti (Pd): “Servizi carenti e assenza di spazi di aggregazione”

In un’interrogazione rivolta a sindaco e giunta l’esponente di minoranza chiede la riapertura del centro sociale intitolato a Luciano Capoccioni

Pubblicato il 16 Febbraio 2024 14:57 - Modificato il 16 Febbraio 2024 17:44

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Colpito da infarto, ictus e trombosi guida fino in ospedale, poi crolla nel parcheggio: salvato dai medici

Protagonista dell'incredibile vicenda un 65enne che, impossibilitato a parlare per chiedere aiuto, ha deciso di raggiungere in autonomia il "San Giovanni Battista". Straordinario lavoro di squadra da parte dei medici: gli interventi non hanno avuto complicanze

Elezioni, a Montefalco sarà Alfredo Gentili a sfidare Daniela Settimi

Funzionario giudiziario in pensione, Gentili proviene dal mondo dell'associazionismo e punterà a “generare un necessario e proficuo cambiamento”

A Nocera Umbra tante iniziative per ricordare Fulvio Sbarretti e Augusto Renzini

In occasione dell'ottantesimo anniversario delle due Medaglie d'oro assegnate ai carabinieri, la città delle acque ha organizzato un fitto programma che durerà fino al prossimo mese di novembre

C’è il quartiere Ina Casa, tra i più popolosi della città di Foligno, al centro dell’interrogazione che la consigliera comunale in quota Pd, Rita Barbetti, intende sottoporre all’amministrazione guidata dal sindaco Stefano Zuccarini. Un quartiere che per l’esponente “dem” si presenta “quasi abbandonato da ogni servizio”. Niente negozi di generi alimentari o bar, dice, ma soprattutto, lamenta, “non ci sono più luoghi in cui incontrarsi”. Una mancanza che per Rita Barbetti si traduce in una “comunità disgregata”, perché – spiega – “una comunità vive quando si può incontrare”. Uno spazio in cui favorire la socialità dei residenti in realtà, però, ci sarebbe ma, come sottolineato dalla consigliera di opposizione “risulta non sia più accessibile al pubblico”. Lo spazio a cui fa riferimento l’esponente del Partito democratico è quello intitolato a Luciano Capoccioni, in piazza Risorgimento, “in cui – commenta – era ubicato un centro sociale, fruibile da tutti, dove si potevano fare riunioni di quartiere, feste, conferenze, incontri vari”. Da qui, dunque, il motivo dell’interrogazione rivolta al sindaco, alla giunta e al presidente del consiglio comunale. “Tenendo conto dei disagi creati da questa situazione, per di più in una zona già carente di molti servizi – chiede Rita Barbetti – qual è la situazione reale di questo spazio intitolato a Luciano Capoccioni?”. Tra i chiarimenti richiesti dall’esponente di minoranza anche i motivi per i quali non è più accessibile e perché non si interviene per renderlo nuovamente fruibile, mettendo “a disposizione degli abitanti – conclude – almeno un luogo fisico dove confrontarsi, scambiare idee, portare proposte, animare una collettività che sta languendo ogni giorno di più”.

Articoli correlati