8.1 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeCronacaI vescovi umbri in Vaticano per la "Visita ad limina Apostolorum"

I vescovi umbri in Vaticano per la “Visita ad limina Apostolorum”

Lunedì 18 marzo l’incontro con Papa Francesco e poi nei vari Dicasteri della Santa Sede. Larcivescovo Boccardo: "Andiamo dal Santo Padre per ricevere da lui il conforto, l’orientamento e l’incoraggiamento a proseguire nell’annuncio della gioia del Vangelo"

Pubblicato il 16 Marzo 2024 13:21 - Modificato il 17 Marzo 2024 12:14

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

È iniziata lo scorso gennaio la “Visita ad limina Apostolorum” dei vescovi delle sedici regioni ecclesiastiche italiane “alle tombe degli apostoli”. L’ultima risale alla primavera del 2013, poche settimane dopo l’elezione di papa Francesco. I vescovi dell’Umbria saranno in Vaticano dal 18 al 22 marzo, vivendo momenti particolari in cui i pastori riferiranno al Papa circa l’andamento delle loro Diocesi per averne indicazioni e risposte. Come evidenzia la Costituzione apostolica “Praedicate evangelium” di papa Francesco, la “Visita ad limina” rappresenta “il momento più alto delle relazioni dei pastori di ciascuna Chiesa particolare e di ogni Conferenza episcopale…con il Vescovo di Roma. Egli, infatti, ricevendo i suoi fratelli nell’episcopato, tratta con loro delle cose concernenti il bene delle Chiese e la funzione pastorale dei vescovi, li conferma e sostiene nella fede e nella carità. In tal modo si rafforzano i vincoli della comunione gerarchica e si evidenziano sia la cattolicità della Chiesa che l’unità del Collegio dei vescovi”.

Il programma. Lunedì 18 marzo la giornata inizierà alle 7.15 con la Messa sulla tomba del beato Apostolo Pietro nella Basilica di San Pietro presieduta da monsignor Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra. Alle 9 udienza con il Santo Padre. Mercoledì 20 marzo alle 7.30 Messa; alle 9.15 l’incontro al Dicastero per i Vescovi; ore 10.45: incontro al Dicasteri per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti; ore 12.15: incontro al Dicastero per la Dottrina della Fede; ore 15: incontro al Dicastero per la Comunicazione. Giovedì 21 marzo: ore 7.30: Messa; ore 9.45: incontro al Dicastero per la Cultura e l’Educazione; ore 11: incontro al Dicastero per l’Evangelizzazione; ore 12.30: incontro in Segreteria di Stato e Sezione Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni Internazionali; ore 16: incontro al Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita; ore 17.15; incontro per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale. Venerdì 22 marzo: ore 7.30: Messa; ore 9.15: incontro con la Segreteria Generale per il Sinodo; ore 10.30: incontro al Dicastero per il Clero; ore 12.00: incontro al Dicastero per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica.

Le parole dell’arcivescovo Boccardo. “Recarsi alla ‘Visita ad limina’ vuol dire innanzitutto – afferma il presidente della Ceu monsignor Renato Boccardo – andare a confrontare la nostra fede con la testimonianza degli apostoli Pietro e Paolo. Raccogliere la loro adesione al Signore Gesù diventa una scuola di vita e uno stimolo alle attività pastorali delle nostre Chiese umbre. E poi andiamo in Vaticano per raccontare al Papa, vescovo di Roma e successore di Pietro, la vita quotidiana delle diocesi dell’Umbria, per ricevere da lui il conforto, l’orientamento e l’incoraggiamento a proseguire nell’annuncio della gioia del Vangelo. Si tratta di una tappa nel cammino normale delle nostre Diocesi che ci arricchisce, ci sostiene e ci sprona per rinnovare dal di dentro le nostre comunità, in una testimonianza efficace che passa attraverso la vita dei sacerdoti, dei consacrati e delle consacrate e dei fedeli laici”.

Fabio Luccioli
Fabio Luccioli
Direttore di Radio Gente Umbra e Gazzetta di Foligno

Articoli correlati