15 C
Foligno
domenica, Maggio 19, 2024
HomeCronacaIl Lions di Foligno accende i riflettori su “Dopo di noi”, disabilità...

Il Lions di Foligno accende i riflettori su “Dopo di noi”, disabilità e Alzheimer

In un convegno del club service sono state delineate le problematiche relative al sostegno delle persone non autosufficienti e illustrati gli interventi a supporto messi in atto nell’ultimo periodo

Pubblicato il 10 Maggio 2024 17:12

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

In bici lungo la Flaminia tra Foligno e Spoleto

In bici lungo la Flaminia. Protagonista un uomo che,...

Elezioni, Foligno Domani punta alla “rigenerazione del tessuto sociale”

Nata due mesi fa a sostegno della candidatura a sindaco di Mauro Masciotti all'interno della coalizione progressista, la lista civica si è presentata con i suoi uomini e le sue donne alla città, dicendosi pronta a lavorare su famiglie, sanità, cultura e partecipazione

Foligno, sorpreso a bucare le ruote di un’auto in sosta: a far scattare l’allarme una donna

L’uomo già nelle scorse settimane si era reso responsabile di episodi simili a quello avvenuto nella serata di venerdì in via Chiavellati. Ad intervenire un agente della polizia locale fuori servizio, poi l’arrivo dei poliziotti di via Garibaldi

“’Dopo di noi’, disabilità, Alzheimer e amministratore di sostegno”. Questo il titolo dell’incontro promosso dal Lions Club di Foligno insieme al club gemellato di Contarina Delta Po, svoltosi lo scorso 4 maggio nella sala consiliare di Montefalco. Un appuntamento organizzato con l’obiettivo di stimolare e predisporre il dibattito pubblico intorno alle tematiche sintetizzate nel titolo del convegno. Quelle, cioè, relative al “Dopo di noi” (periodo successivo alla scomparsa dei genitori/tutori che le persone con disabilità devono affrontare), alla disabilità, all’Alzheimer e all’amministrazione di sostegno.
Tanti gli interventi che si sono articolati nel corso dell’incontro. Primo fra tutti quello della presidente del club service di Foligno, Carla Ascani, che ha specificato: “Vogliamo predisporre il dibattito intorno alle strategie di intervento, promuovere e diffondere la cultura della protezione giuridica, ma anche una benevola disposizione affettiva per le persone prive del tutto o in parte dell’autonomia. Desidereremmo poi avanzare proposte di miglioramento degli strumenti giuridici ed amministrativi, affinché i disabili e i loro cari possano guardare al futuro con qualche certezza e speranza in più, ma anche – continua – con lo scopo pratico di individuare opportunità e progetti operativi aperti alla cittadinanza, in collaborazione con le istituzioni”. 
L’assessore di Foligno per le politiche sociali, Agostino Cetorelli, ha poi comunicato la concessione in comodato d’uso di un immobile in località Cantagalli, proprietà del Comune di Foligno, all’associazione “Dopo di noi, insieme a noi” per la realizzazione della casa-famiglia “Dopo di noi”. Immobile che verrà ristrutturato grazie ai fondi della Regione Umbria e dal Progetto in collaborazione con la Diocesi.
A questo è seguito l’intervento di Emanuela Baroni, presidente dell’associazione “Dopo di noi, insieme a noi”, che ha proceduto ad illustrate il progetto sull’attuazione della legge “Dopo di Noi 112”, commentando poi il modus operanti del progetto della casa-famiglia ed esponendone il programmatico. Un progetto che prevede la realizzazione di un intervento innovativo di residenzialità per le persone con grave disabilità prive del sostegno familiare, attraverso lo strumento della coabitazione che richiama alla famiglia naturale, all’interno del quale non ci saranno operatori ed utenti ma due figure paragonabili, sotto il profilo operativo ed organizzativo, a quelle genitoriali. Persone che scelgono di condividere a tempo pieno la propria vita con persone diversamente abili gravi. 
È stato poi illustrato, dal socio Lions Paolo Barnocchi, il portale telematico Dopodinoiumbria.com, realizzato lo scorso anno per informare e supportare le famiglie che vivono problematiche relative alla disabilità.
Il già procuratore generale della Corte dei Conti e socio del Lions Alberto Avoli, ha successivamente affrontato il tema dell’amministratore di sostegno ed il trust funding, illustrando gli aspetti legali che vengono a crearsi quando persone con “difficoltà di relazione e di cura di se stessi” necessitano del supporto di altri. Spiegando il ruolo della figura dell’amministratore di sostegno e sottolineando che il trust funding è un istituto giuridico a cui si ricorre per salvaguardare il patrimonio familiare.
Rilevante è stata anche la testimonianza di un socio del club di Contarina Delta Po, che ha raccontato il percorso da lui affrontato accanto alla moglie affetta da Alzheimer, esponendo il loro percorso dai sintomi iniziali della malattia, dalle piccole e grandi conquiste giornaliere, fino alle complicazioni quotidiane.
A concludere l’incontro, sottolineando l’importanza della figura del caregiver, il socio del Lions Foligno Mauro Zampolini, il quale ha anche comunicato che il ricavato della raccolta fondi fatta a Natale è stato interamente donato dal Lions Club di Foligno al centro diurno per i malati di Alzheimer “Le Margherite”.
Il convengo, moderato dalla socia Lions Giulia Rita Cirinei e da Giacomo Paolo Barnocchi, si è svolto alla presenza del Sindaco di Montefalco Luigi Titta e dell’Assessore Agostino Cetorelli, delegato del sindaco di Foligno.

Articoli correlati