29.9 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCronacaBps, archiviata l'indagine nei confronti del governatore Visco e altre sette persone

Bps, archiviata l’indagine nei confronti del governatore Visco e altre sette persone

Pubblicato il 20 Settembre 2016 13:46 - Modificato il 5 Settembre 2023 19:16

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Ai domiciliari per spaccio di droga, evade: 21enne portato in carcere 

Inasprimento della misura cautelare per un giovane straniero che non ha rispettato il provvedimento a suo carico. Beccato in giro dagli agenti del Commissariato di Foligno, è stato deferito all’autorità giudiziaria: per il ragazzo si sono spalancate le porte di Maiano

Svincolo di Scopoli, Quadrilatero approva progetto definitivo. Melasecche ironico: “Storia da film”

La ricerca di ordigni bellici e di reperti archeologici si è conclusa positivamente, dando esito negativo. Prima del progetto esecutivo mancano ancora dei passaggi burocratici e, nel frattempo, l'assessore regionale punzecchia il centrosinistra

Montefalco perde un medico di base. Il Comune scrive all’Usl 2: “Disagi per i cittadini”

In una nota diffusa sui social, l'amministrazione interviene sulla fine della convenzione con il dottor Massimo Pucci. I dottori presenti nel borgo non riuscirebbero a coprire i pazienti rimasti “scoperti”

Il giudice per le indagini preliminari di Spoleto ha archiviato l’indagine sul commissariamento e la cessione della Bps scattata negli scorsi mesi nei confronti del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco. Con lui, erano finite sul registro degli indagati altre sette persone, tra cui gli ex commissari dell’istituto. Il gip spoletino ha quindi accolto la richiesta avanzata dal Pubblico ministero, respingendo quindi quelle dei soci della Spoleto Credito e Servizi, ovvero la realtà che gestiva la banca prima della vendita al Gruppo Desio avvenuta due anni fa. Tutto era partito dall’esposto presentato proprio dai circa 100 soci della Scs nel 2015. Le accuse ipotizzate nei loro confronti erano quelle di abuso d’ufficio, truffa e infedeltà patrimoniale.

Articoli correlati