5.7 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeCulturaSant'Eraclio, buona la prima per il Carnevale dei ragazzi

Sant’Eraclio, buona la prima per il Carnevale dei ragazzi

Pubblicato il 29 Gennaio 2018 14:40

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

Le sei gigantesche creazioni allegoriche del Carnevale dei ragazzi di Sant’Eraclio si sono messe in moto. Domenica pomeriggio, infatti, la piccola frazione di Foligno ha fatto da sfondo – come avviene da 57 anni a questa parte – al primo corso mascherato, che ha visto la partecipazione del pubblico delle grandi occasioni. Complice anche il beltempo – dalle temperature quasi primaverili – grandi e piccini si sono riversati per le strade, per accogliere tra sorrisi ed applausi i carri allegorici ed i gruppi mascherati. Sei, come detto, le creazioni realizzate da altrettanti cantieri: “Girocento”, “Love” “3018 Archeo Carnevale”, “I Superpigiamini” “Tra Realtà e Cibernetica” e “Capitan Sventura”. Ad allietare la parata carnevalesca artisti e marionette giganti, ma anche le esibizioni musicali tra funky, samba, mambo e blues degli “Sbandati Marching Band” nati nel 2009 da un’idea di Sauro Rosignoli. A far ballare il pubblico, poi, “The Golden Age 4.0”, la festa di culto generazionale del “Supersonic Music Club” dal palco di piazza Fratti. Sempre nella giornata inaugurale del Carnevale di Sant’Eraclio, si è tenuta la prima valutazione del quinto trofeo “Alfio Pace” che sarà assegnato, domenica 11 febbraio dalla famiglia Lupparelli, al migliore tra dei sei cantieri. Ma quello di domenica è stato anche l’appuntamento con “I racconti del Castello: Alla ricerca della corona perduta” spettacolo itinerante nell’antico fortilizio dei Trinci offerto dagli artisti da strada dell’“Academy Circus”. Come sempre, infine, porte aperte all’Osteria del Carnevale, pronta a deliziare i palati di bambini e adulti. La prossima domenica il secondo dei tre appuntamenti con la sfilata dei carri allegorici. 

Articoli correlati