20.2 C
Foligno
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeMediaIn migliaia a Foligno per il corteo della Quintana - GALLERY

In migliaia a Foligno per il corteo della Quintana – GALLERY

Pubblicato il 17 Giugno 2023 09:10 - Modificato il 17 Gennaio 2024 12:24

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Colpito da infarto, ictus e trombosi guida fino in ospedale, poi crolla nel parcheggio: salvato dai medici

Protagonista dell'incredibile vicenda un 65enne che, impossibilitato a parlare per chiedere aiuto, ha deciso di raggiungere in autonomia il "San Giovanni Battista". Straordinario lavoro di squadra da parte dei medici: gli interventi non hanno avuto complicanze

Elezioni, a Montefalco sarà Alfredo Gentili a sfidare Daniela Settimi

Funzionario giudiziario in pensione, Gentili proviene dal mondo dell'associazionismo e punterà a “generare un necessario e proficuo cambiamento”

A Nocera Umbra tante iniziative per ricordare Fulvio Sbarretti e Augusto Renzini

In occasione dell'ottantesimo anniversario delle due Medaglie d'oro assegnate ai carabinieri, la città delle acque ha organizzato un fitto programma che durerà fino al prossimo mese di novembre

È con l’allegoria della fortuna, realizzata dall’Ente Giostra, che si è aperto nella serata di venerdì 16 giugno il corteo storico della Quintana, alla vigilia della Sfida che si disputerà questa sera (sabato 17 giugno) al Campo de li giochi “Marcello Formica e Paolo Giusti” di via Nazario Sauro. Corteo che ha visto sfilare per le vie e le piazze del centro storico di Foligno circa 600 figuranti, a partire dai vertici di palazzo Candiotti. E quindi, il presidente Domenico Metelli, insieme alla madrina Federica Moro, i magistrati, il sindaco Stefano Zuccarini e parte della giunta comunale. A vestire gli abiti barocchi per una sera anche la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e l’assessore regionale al Turismo, Paola Agabiti. A seguire le dieci rappresentanze rionali con le loro dame, i nobili, gli armati e i cavalieri con i loro destrieri. A partire dal Giotti, che si è aggiudicato l’ultima giostra, quella cioè del settembre scorso quando a trionfare era stato l’Animoso Massimo Gubbini in sella ad Anna Aurora. Dietro, in base al piazzamento ottenuto nella Rivincita 2022, gli altri nove rioni.

Partito da via XX Settembre, il corteo quintanaro ha quindi percorso il cuore cittadino fino ad arrivare nella centralissima piazza della Repubblica, lì dov’era stato allestito il palco dell’Ente Giostra e dove – come di consueto – si è tenuto il cerimoniale, aperto dalla consegna del cero votivo da parte del presidente Metelli al vescovo di Foligno, monsignor Domenico Sorrentino. Per la prima volta il pastore della Chiesa folignate ha seguito il cerimoniale direttamente dal palco e non, come avveniva in passato, dal sagrato di San Feliciano. Un cambio di programma dovuto ai lavori di ristrutturazione che stanno interessando in questi mesi la cattedrale e che hanno reso necessaria qualche modifica negli allestimenti, data la presenza del cantiere e della gru. Modifiche che non hanno, però, intaccato la bellezza del cerimoniale, seguito – così come accaduto di fatto per l’intero corteo – da migliaia di persone, tra cittadini e turisti, che hanno affollato vie e piazze della città per ammirare la magnificenza degli abiti barocchi indossati dai figuranti.

“Questa sera stiamo vivendo la vera festa – ha dichiarato il presidente Metelli dal palco di piazza della Repubblica -, perché possiamo dire di essere tornati alla piena normalità dopo il Covid, anche se la Quintana non si è mai fermata a dimostrazione di come la Quintana sia Foligno e Foligno sia la Quintana. Con estrema emozione – ha concluso il numero uno di palazzo Candiotti – ringrazio tutte le persone vicine alla Giostra, in prima fila nel sostenere i rioni, facendo sì che la Quintana sia sempre più bella”.

E di grande emozione ha parlato anche il sindaco Zuccarini. “È bello tornare a vivere appieno la Quintana” ha dichiarato, ricordando anche il ritorno dopo anni di assenza della Cena Grande e del Gareggiare dei convivi. “L’impegno del popolo quintanaro – ha aggiunto – non si è mai interrotto. Un lavoro di squadra che porta sempre a grandi risultati. Per la prima volta – ha quindi aggiunto Zuccarini – abbiamo voluto inserire in questo contesto il Gonfalone della città di Foligno, uscito dal palazzo comunale per abbracciare il mondo della Quintana. Perché – ha concluso il primo cittadino – vogliamo che il nostro Comune, che è la casa di tutti i folignati sia anche la casa dei quintanari”.

Poi, la parola è passata alla presidente Tesei, che ha rivolto il suo saluto e il suo abbraccio a tutto il popolo quintanaro. “Auguro a tutti voi una buona Giostra – ha detto – e che la gioia ritrovata questa sera mantenga vivo lo spirito quintanaro”.

A chiudere la parte degli interventi è stato, quindi, il vescovo Domenico. “Stare da vescovo in mezzo a voi – ha dichiarato rivolgendosi alla piazza – è starci da pastore che ha a cuore la vita di tutti voi, come il nostro Dio. Quest’oggi – ha aggiunto – ho vissuto una mia personale Quintana: mentre facevo rientro in vescovado, dopo i lavori dell’Assemblea diocesana sull’essere chiesa nel territorio ed entrare nelle problematiche della nostra comunità, sono rimasto bloccato fuori dalle mura cittadine a causa delle chiusure al traffico predisposte per il corteo. Ebbene, in questa situazione di difficoltà ho però potuto fare esperienza di coraggio, legalità, solidarietà e fratellanza grazie alle diverse persone che ho incontrato prima di riuscire a far ritorno a casa”.

Conclusi gli interventi delle autorità civili e religiose, il cerimoniale è quindi entrato nel vivo con l’ingresso in campo dei cavalieri e dei loro destrieri, l’arruolamento e la benedizione per poi concludersi con quello che è da sempre uno dei momenti più emozionanti della Quintana, la lettura del bando di Giostra dall’unica, inimitabile e grande voce di Claudio Pesaresi. Ora, però, è tempo di sfida: appuntamento alle 21 al Campo de li giochi dove i dieci binomi si sfideranno per conquistare il palio realizzato da Dario Agati. 

Ecco l’ordine di ingresso sull’otto di gara per la prima tornata:

Cassero:  Marco Diafaldi  su Gungio;

Giotti: Massimo Gubbini su Daytona Man;

Morlupo: Alesandro Candelori su Franceschina;

Badia: Lorenzo Melosso su Texas Cactus;

Contrastanga: Daniele Scarponi su Temesvar;

Pugilli: Nicholas Lionetti su Run To Me;

Ammanniti: Mattia Zannori su Non succederà più;

La Mora: Luca Morosini su You are My Boy;

Spada: Tommaso Finestra su Romantic Walk;

Croce Bianca: Pierluigi Chicchini su Sopran Hadley

 

Articoli correlati