Volley, la Monini vuole conquistare la Capitale

Sabato sfida romana contro Roma 7. L'obiettivo è quello di tornare a conquistare punti per rimontare anche la capolista Grottazzolina

Volley

Tornare ad imporre il proprio gioco anche in trasferta per conquistare i punti che servono a mettere dietro le rivali e, perché no, a rimontare la capolista Grottazzolina. E’ questo l’imperativo in casa Monini Spoleto dove il tecnico Riccardo Provvedi sta preparando fin nei mimi dettagli la trasferta di sabato nella capitale contro la Roma 7 Volley. Terribile il ‘tour de force’ a cui sono sottoposti i ragazzi di coach Morelli che nelle ultime due giornate hanno affrontato la prima e la terza in classifica e sabato se la vedranno con la seconda. Quella capitolina è una delle squadre più giovani del Girone B con un’età media di appena 22 anni e, come spesso accade, l’entusiasmo di un gruppo così giovane può mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Capitan Cancelosi, 34 anni, guida una ‘brigata’ di classe ’94, ’95 e ’96 forse non ancora pronti per competere ai vertici della Serie B1 ma di grande prospettiva. I nuovi acquisti sono Caio Alves, Alessandro Mordecchi, Fabio Noccioli, Valerio Vendetti e Alex Socolowsky, quest’ultimo addirittura nato nel 1997. In casa Monini Marconi si guarda con grande fiducia a questa gara. La prestazione convincente di sabato scorso contro Grosseto ha testimoniato la forza di una squadra che ha solo bisogno di essere un po’ più convinta nei suoi straordinari mezzi per fare la differenza anche lontano dal Palarota. Quale migliore occasione di cominciare proprio da Roma, vista anche la concomitanzqa del big match tra Grosseto e Grottazzolina che si toglieranno punti a vicenda. Le buone notizie arrivano anche dall’infermeria che si sta finalmente svuotando. Mimmo Cavaccini ha ripreso ad allenarsi in gruppo e anche il fastidio alla caviglia accusato da Dordei sembra passato. Da valutare capitan Lattanzi, perseguitato dalla sfortuna, che comunque dovrebbe riprendere oggi a lavorare insieme ai compagni.   

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento